Ryanair licenzia 250 persone in Spagna, Irlanda, Polonia e Inghilterra.

Ryanair ha tagliato più di 250 posti di lavoro nei suoi uffici a Madrid (Spagna), Dublino (Irlanda), Breslavia (Polonia) e Stansted (Regno Unito), a causa del forte calo delle operazioni e del traffico che le compagnie aeree del Gruppo Ryanair hanno registrato nel 2020 a causa della pandemia di coronavirus.

La società non ha rinnovato o firmato contratti fissi e di prova che terminano ora, combinati con dimissioni e licenziamenti. I dipendenti interessati non si uniranno al loro posto di lavoro il 1° giugno, data prevista di apertura degli uffici della compagnia aerea low cost irlandese.

La compagnia aerea ha affermato che continua a incontrarsi con i piloti e i sindacati dell’equipaggio di cabina in Europa per finalizzare fino a 3000 tagli di posti di lavoro e il 20% di tagli alle retribuzioni. Entro la fine di questo mese sono attesi nuovi annunci di perdita di posti di lavoro dell’equipaggio e riduzione dei salari.

Ryanair ha operato meno dell’1% dei suoi normali programmi di volo ad aprile, maggio e giugno e questa settimana ha annunciato che a partire dal 1° luglio riprenderà solo il 40% del suo programma normale. La ripresa prevede anche una serie di misure di sicurezza per contenere nuove infezioni COVID-19, come ad esempio, quella di richiedere ai passeggeri l’autorizzazione per l’uso bagno.

Per l’intero anno, Ryanair ora prevede di trasportare meno di 100 milioni di passeggeri, poco più del 35% al ​​di sotto dell’obiettivo di 155 milioni per l’anno fiscale che si è concluso nel marzo 2021.