Juventus vola in Borsa dopo l'annuncio della Superliga.

Lunedì le azioni del Manchester United sono aumentate del 9% a Wall Street dopo aver annunciato la creazione della nuova Super League insieme ad altri club europei d’élite. Al di fuori di Wall Street, le azioni della Juventus sono salite fino al 18% alla Borsa di Milano. Alle 10:06 ora locale di New York, le azioni del team inglese, scambiato negli Stati Uniti con l’etichetta MANU, sono aumentate del 9,28% a $ 17,67.

Le azioni della Juventus, l’unico club italiano dei tre che sono entrati a far parte della nuova Super League europea di calcio quotata alla Borsa di Milano, sono aumentati del 18% questo lunedì dopo l’annuncio di questa nuova competizione.

I titoli del club presieduto da Andrea Agnelli, che sarà il nuovo vicepresidente della Super League, si sono chiusi con un rialzo del 17,85% e al prezzo di 0,911 euro, contro 0,773 euro di venerdì. Le azioni sono rimaste in rialzo per tutta la seduta e sono cresciute in modo più marcato dalle 10:40 ora locale (8:40 GMT), a poco più di un’ora e mezza dall’inizio delle contrattazioni.

La Juventus ha attualmente una capitalizzazione di mercato di 1.

027 milionie un volume di asset di 11,4 milioni di euro. Gli altri due club italiani che fanno parte della nuova Super League Europea, Inter e Milan, non sono quotati alla Borsa di Milano.

Sei club inglesi (Arsenal, Chelsea, Liverpool, Manchester City, Manchester United e Tottenham Hotspur), tre italiani (Juventus, Inter e AC Milan) e tre spagnoli (Barcellona, ​​Real Madrid e Atlético de Madrid) sono i soci fondatori di questa nuova competizione di Super League in Europa.

Da parte sua, la più grande banca degli Stati Uniti, JPMorgan, che ha confermato che finanzierà l’operazione, è scesa dello 0,35 per cento. La creazione della nuova Superlega è una risposta all’ “instabilità dell’attuale modello economico del calcio europeo” dovuta alla pandemia, hanno detto in un comunicato i fondatori. “Per anni, i club fondatori hanno mirato a migliorare la qualità e l’intensità delle competizioni europee esistenti e, in particolare, a creare un torneo in cui i migliori club e giocatori possano competere tra loro più frequentemente”, hanno aggiunto.