L'incredibile storia dell'Astronauta John Smith

  • Una delle storie più straordinarie e, allo stesso tempo, agghiaccianti è quella relativa a John Smith, un astronauta americano scomparso nello spazio… e riapparso decenni dopo.

Una delle più grandi paure di qualsiasi astronauta è che, a causa di qualche guasto, non riescano a tornare sulla Terra. Questo è ciò che è successo a John Smith. Tuttavia, la sua storia ha avuto un finale diverso.

L’astronauta scomparso

John Smith è nato nel 1941 in una famiglia di militari. Nel 1960 si diploma alla United States Air Force Military School. Ha partecipato come pilota di guerra in Vietnam, dove è stato insignito di una medaglia d’onore, guadagnandosi una grande reputazione come pilota.

Ciò lo portò a scegliere di diventare un astronauta, guadagnandosi un lavoro come “addetto alle pulizie” in una missione spaziale nell’orbita terrestre nel 1973. Ma si ritiene che la sua vera missione fosse “rilevare, cacciare e distruggere missili balistici e satelliti nemici”. Fu messo in orbita a bordo di un satellite per non essere rilevato, mentre svolgeva il suo lavoro segreto.

Per 3 giorni non si sono verificati incidenti, ma il quarto è entrato in una zona di radiazione anomala che ha causato guasti ai suoi sistemi di manovra e orientamento. Per coincidenza, diverse esplosioni inspiegabili di rumore radio si sono verificate contemporaneamente e non è stato possibile rintracciarle. La NASA ha cercato di salvare l’astronauta, ma non ci sono riusciti. Stranamente, l’agenzia spaziale ha continuato a nascondere tutto, cancellando la missione come un fallimento a causa di un “incidente” durante un volo di addestramento. I segnali radio non sono mai stati menzionati e tutto è stato classificato “top secret“.

La storia di Smith sarebbe stata registrata come Another Lost Astronaut e Space Mysteries. Tuttavia, nell’anno 2000, la nave che lo trasportava è stata scoperta per caso. Il responsabile del ritrovamento era un astronomo dilettante delle Isole Fiji, che ha rilevato un’anomalia in orbita a un’altezza di 470 chilometri. Lo riferì rapidamente, che si rese conto che era la nave scomparsa negli anni ’70.

Il ritorno a casa: scomparso in orbita dal 1973 al 2001

Nel 2001, lo Shuttle Endeavour ha recuperato il veicolo spaziale che è caduto in un’orbita stabile e bassa. Fu a questo punto che la storia prese una piega ancora più strana. Quando la nave fu portata sulla Terra e aperta, John Smith era dentro e vivo, dopo decenni persi nello spazio. Era cosciente e sembrava essere in uno stato di animazione sospesa. Qualcosa che nessuno capiva davvero.

Sull’astronauta sono state effettuate visite mediche che hanno rivelato più domande; non c’era alcun segno delle costole rotte che aveva avuto da giovane. Né aveva più i grandi nei che aveva sul suo braccio sinistro. Gli esperti hanno detto che sembrava che Smith si fosse “rigenerato” in qualche modo. Inoltre, nel suo diario personale c’erano intere pagine piene di simboli indecifrabili.

Quando l’astronauta fu abbastanza lucido da parlare, non riuscì a ricordare nulla di ciò che era accaduto. Né sembrava essere consapevole di essere stato perso nello spazio per più di 20 anni.

L’astronauta John Smith è sparito definitivamente

Mentre gli esperti cercavano di capire cosa fosse successo, accadde un ultimo incidente con John Smith: è scomparso. Non c’era traccia di lui nelle strutture, nemmeno le telecamere di sicurezza lo avevano registrato. Era come se fosse evaporato.

Nonostante il fatto che la NASA abbia continuato le indagini per alcuni anni, l’indagine è stata presumibilmente archiviata e l’argomento non è mai stato più toccato di nuovo.