Google sotto accusa: dipendenti denunciano ritorsioni.

“Non è oro tutto quel che luccica…” recita un antico proverbio italiano. Due lavoratrici di Google hanno accusato la compagnia di rappresaglia contro di loro, tra le altre cose, per i loro sforzi organizzativi volti a protestare contro la manipolazione delle molestie sessuali all’interno dell’azienda e sulle sue politiche anti-trasparente e contro l’equità del lavoro.

In una lettera aperta inviata a Google, i lavoratori Meredith Whittaker e Claire Stapleton, hanno spiegato le azioni che la società ha intrapreso contro i dipendenti che si sono organizzati per criticarlo. Sia Satapleton che Whittaker fanno parte di una più ampia coalizione di lavoratori Google che hanno etichettato il gigante tecnologico come “non etico”, per trattare le ritorsioni contro i suoi detrattori interni.

Da parte sua, Google ha inviato una dichiarazione ai media dove garantisce che le ritorsioni sul posto di lavoro siano proibite, quindi procederà a indagare su tutte le accuse dei lavoratori. A questo proposito, hanno negato le accuse di Whittaker e compagnia, assicurando quanto segue:

“I dipendenti e i team ricevono regolarmente nuovi incarichi o si riorganizzano per tenere il passo con le esigenze aziendali in evoluzione. Non ci sono state rappresaglie qui”.

All’inizio di questo mese, Google ha preso la decisione di sciogliere il suo Comitato di Etica dell’Intelligenza Artificiale (AI) in seguito alle preoccupazioni espresse dai suoi lavoratori circa l’inclusione nel consiglio di amministrazione del presidente della Heritage Foundation, un conservatore che ha dichiarato pubblicamente il suo rifiuto alla

comunità LGTBQ e agli immigrati negli Stati Uniti.

Whittaker disse che dopo lo scioglimento del consiglio di amministrazione, Google lo informò che il suo ruolo nella compagnia sarebbe cambiato radicalmente, e che per mantenere la sua posizione dovette abbandonare i suoi sforzi sull’etica nell’intelligenza artificiale, incluso il suo lavoro nell’istituto AI Now, un’organizzazione esterna che la lavoratrice ha fondato.

Da parte sua, Stapleton ha detto che dopo 12 anni di lavoro in Google, gli è stato detto che metà delle sue responsabilità sarebbero state assegnate a qualcun altro. Apparentemente, quando Stapleton ha portato la sua denuncia a casi esecutivi, il suo manager ha iniziato a ignorarla e gli è stato ordinato di riposarsi, anche se non era malata.

Entrambi le lavoratrici affermano che il loro ambiente di lavoro è ostile al giorno d’oggi e che un gruppo di lavoratori organizzerà presto un incontro in cui verranno discusse le rappresaglie adottate da Google, esortando altri dipendenti vittime di azioni simili a condividere le loro storie in un forum che hanno abilitato per questo.

Google ha la cultura della rappresaglia che molto spesso funziona per mettere a tacere le donne, le persone di colore e le minoranze di genere”, si legge in una lettera firmata da Meredith Whittaker e Claire Stapleton e altri 10 dipendenti. “La rappresaglia spesso è fatta di colloqui glaciali, negazioni manipolazioni, retrocessioni”.