G20 impone tassa ai giganti di Internet per il 2020 come Google, Amazon, Facebook e Apple.

Una tassa rivolta a giganti digitali come Google, Amazon, Facebook e Apple è più vicina a materializzarsi a livello globale dopo l’incontro di oggi in Giappone.

I principali ministri delle finanze dei paesi del G20, che si incontrano questo fine settimana in Giappone, concordano sull’urgenza di riformare la tassa sui giganti di internet (GAFA), sebbene differiscano nel modo in cui farlo.

L’ambiziosa iniziativa, nota anche come “Tassa digitale” o “Tassa Google” nell’Unione europea, si è affermata nel gruppo dei venti paesi più industrializzati ed emergenti, che si sono posti l’obiettivo di definire una riforma fiscale comune per il 2020.

Ad un simposio ministeriale tenutosi a Fukuoka (Giappone sud-occidentale), i paesi del G20 hanno dato il via libera alla road map stabilita dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), che traccia il quadro futuro che aumenterà la pressione fiscale sulle multinazionali tecnologiche e su Internet.

Il Segretario generale dell’OCSE, Ángel Gurría, ha spiegato che la misura fiscale avrà due pilastri fondamentali, uno basato sulla fine della tassazione basata sul luogo in cui le aziende hanno una presenza fisica, e il secondo volto ad evitare la “competizione fiscale” tra le nazioni.

L’obiettivo è quello di abolire il principio applicato nella maggior parte dei paesi per più di un secolo e considerato obsoleto nell’era digitale, che consente ai giganti di Internet di scegliere come quartier generali fiscali con un basso carico fiscale nonostante rappresentino una piccola percentuale delle loro operazioni.

Pertanto, la pressione fiscale del nuovo sistema sarà decisa in base alla “presenza economica significativa” delle società di ciascun paese, al volume di dati e ad altri beni immateriali digitali gestiti o al numero di utenti.

Ognuna di queste tre opzioni che il G20 ha sul tavolo concederebbe ai paesi “più diritti fiscali” e quindi maggiori entrate per le loro casse pubbliche, ha detto Gurría durante il suo discorso.

Tuttavia, ci sono forti divergenze sui metodi di applicazione. Sebbene abbia ammesso l’urgenza della questione, il segretario al Tesoro degli Stati Uniti, Steven Mnuchin, ha affermato che si tratta di “questioni complicate” e che non dovrebbe “discriminare” il settore tecnologico.

Mnuchin ha espresso il suo disaccordo con la decisione di Francia e Regno Unito di imporre una tassa unilaterale sulle grandi compagnie di internet, chiamate GAFA (acronimo di Google, Amazon, Facebook e Apple), sulle loro entrate.

Queste due iniziative “preoccupano” gli Stati Uniti, ha detto, ma Parigi e Londra “hanno il merito di averli proposti, nel senso che hanno generato un’urgenza” e uno “stimolo” per affrontare il problema.

Tra le tre tracce presentate all’OCSE, Washington è la più completa e ambiziosa, e non è limitata all’economia digitale. Raggiungerebbe tutti i gruppi che “distribuivano” in altri paesi, come le società di lusso francesi negli Stati Uniti o le ditte americane in Europa.

Per Oxfam, questo incontro è “un’opportunità unica per porre fine all’evasione fiscale delle grandi multinazionali”, secondo una dichiarazione pubblicata prima della riunione dei ministri delle finanze del G20.