5 Foto Incredibili e Rare del Telescopio Spaziale Hubble.

Il telescopio spaziale Hubble ha catturato innumerevoli splendide immagini mai viste prima dell’universo, come quella che stai vedendo in copertina e che si riferisce alle aurore di Urano, il settimo pianeta del sistema solare in ordine di distanza dal Sole, il terzo per diametro e il quarto per massa. Di seguito ti mostriamo ulteriori 5 splendide fotografie incredibili e rare catturate dal telescopio spaziale Hubble della NASA e dell’ESA, nel corso dei suoi oltre 30 anni di attività.

Nebulosa Tarantola

Le stelle cento volte più massicce del Sole splendono attraverso la foschia turbolenta della Nebulosa della Tarantola nella Grande Nube di Magellano. Il gas e la polvere delle esplosioni di stelle sono il materiale da cui emergeranno nuove stelle, rendendo questa nebulosa uno dei focolai di stelle più attivi nel nostro ambiente galattico.

Foto Incredibili e Rare del Telescopio Spaziale Hubble.

I resti di una Supernova

Nelle immagini di Hubble si può vedere che mentre la supernova perdeva luminosità, i resti dell’esplosione si scontrarono con un anello di materiale espulso migliaia di anni fa dalla stella morente, che generò raggi X che illuminano l’anello. Nel 2011, i resti del centro dell’anello, di circa un anno luce di diametro, brillarono più intensamente quando la supernova entrò in una nuova fase di morte stellare.

Foto Incredibili e Rare del Telescopio Spaziale Hubble.

Galassia NGC 1300

Questa iconica immagine di Hubble della galassia a spirale NGC 1300 è ricca di dettagli: giovani stelle blu luminose, braccia di polvere che si muovono a spirale attorno al nucleo luminoso e galassie distanti visibili attraverso l’array. Potresti perderti in questa immagine. NGC 1300 è una galassia a spirale barrata distante 69 milioni di anni luce nella costellazione dell’Eridano. È stata scoperta da John Frederick William Herschel nel 1835.

Foto Incredibili e Rare del Telescopio Spaziale Hubble.

Una visione spettrale

Quello che sembra un anello spettrale sospeso nel cielo è in realtà una bolla di gas di 23 anni luce di diametro, il residuo di un’esplosione di una supernova osservata per la prima volta nei nostri cieli 400 anni fa. “La semplicità di questa immagine è affascinante”, affermano gli astronomi, “ma fuorviante”. Una moltitudine di forze distorce la sua forma.

Foto Incredibili e Rare del Telescopio Spaziale Hubble.

Echi di luce

Cosa ha causato questa esplosione nel V838 Monocerotis? Per ragioni sconosciute, la superficie esterna della

stella V838 Mon (stella variabile situata nella costellazione dell’Unicorno a circa 20 mila anni luce dal nostro Sistema solare), si espanse improvvisamente, diventando la stella più luminosa dell’intera Via Lattea nel gennaio 2002, durante il quale ha temporaneamente aumentato la luminosità per diventare 600 mila volte più luminosa del nostro Sole.

Poi, improvvisamente, svanì. Uno starburst come questo non era mai stato visto prima. Le supernovae e le nova espellono la materia nello spazio e sebbene il flash di V838 Mon espelle materiale, ciò che vedi nell’immagine è in realtà un’eco di luce che si muove verso l’esterno dalla stella.

Foto Incredibili e Rare del Telescopio Spaziale Hubble.

La luce di questa improvvisa eruzione illumina la polvere interstellare che circonda la stella, producendo la più spettacolare “eco della luce” nella storia dell’astronomia. In un’eco di luce, la luce flash dell’esplosione viene riflessa da anelli di materiale successivamente più distanti nella complessa serie di polvere e gas interstellare che già circonda la stella. Un’eco di luce simile è l’analogo ottico dell’eco sonora prodotta quando uno yodel alpino viene riflesso dalle montagne circostanti.

Il telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA osserva l’eco di luce V838 Mon dal 2002. Ogni nuova osservazione dell’eco di luce rivela una nuova “sezione sottile” unica attraverso la polvere interstellare attorno alla stella. Questo video trasforma le immagini di Hubble dell’eco luminoso, scattate più volte tra il 2002 e il 2006. I numerosi vortici e gorghi nella polvere interstellare sono particolarmente evidenti. Forse sono stati prodotti dagli effetti dei campi magnetici nello spazio tra le stelle.