Nonostante l’incertezza, che negli ultimi tempi ha caratterizzato i mercati finanziari, continui ad essere una costante, il forex ha dimostrato una forte resilienza. Un aspetto sicuramente dovuto al fatto che si tratti del mercato più liquido in assoluto e quindi molto più stabile rispetto ad altre asset classes. Ed è proprio per questo motivo che, oggi, sono numerosi i risparmiatori che si avvicinano a questo settore, in cerca di quel rendimento sempre più difficile estrapolare dagli investimenti tradizionali. Ciò che tutti i neofiti si chiedono, tuttavia, è se sia complicato iniziare ad operare sul mercato delle valute e quale siano i passi da intraprendere prima di impostare una propria strategia.

Come operare sul forex

Naturalmente, per fare trading sul forex, non si può prescindere da un’accurata selezione di un broker: l’intermediario che materialmente esegue gli ordini lanciati dai clienti su un determinato strumento finanziario. Tuttavia la scelta di una società dal profilo adeguato non è così immediata.

Proprio per questo alcuni siti specializzati, che approfondiscono le delicate tematiche riguardanti i mercati finanziari, hanno redatto delle guide per individuare quali sono i migliori forex broker, al fine di aiutare i traders ad investire con una piattaforma sicura e certificata. Ad esempio, la redazione di Miglioribrokerforex.com, portale di informazione finanziaria molto affermato nel settore, in un recente articolo ha esaminato un pool di importanti player, evidenziandone e classificandone le principali caratteristiche.

Da eToro a Capital.com: i vantaggi di fare trading sul forex

EToro è forse la società più conosciuta dai trader: broker market maker, mette a disposizione dei propri clienti una piattaforma web gratuita e facile da usare, senza contare che, anche l’assortimento di coppie di valute e altri strumenti finanziari, è davvero completo. Tuttavia, il punto di forza di Etoro è sicuramente il copytrading: una modalità di social network, in cui gli investitori possono confrontarsi condividendo le proprie strategie operative.

Un altro nome di rilievo presente nell’articolo di Miglioribrokerforex.com è Capital.com che ha il suo punto di forza nella vastissima offerta di sottostanti: con l’apertura di un conto reale, il cui primo deposito minimo è di 20 Euro, si possono negoziare, tra major e minor, oltre 100 coppie di valute sul forex. Inoltre, gli utenti possono fruire, senza costi aggiuntivi, dell’analisi e del monitoraggio del portafoglio d’investimento, attraverso l’utilizzo dell’intelligenza artificiale.

Trading forex con FP Markets e Trade.com

FP Markets è noto per l’offerta agli utenti di un TOL più professionale, come metatrader, affinché possa essere interfacciato sia con i servizi di autochartist (per analisi grafiche professionali) sia di mirror trading (per replicare in automatico le operazioni di altri

traders). La metatrader permette inoltre di far girare expert advisors, attraverso i quali l’investitore può avvalersi di strategie completamente automatizzate gestite da algoritmi.

Trade.com è invece il nome ideale per servizi più di nicchia: al vasto catalogo di strumenti finanziari, fra cui un’ampia scelta di coppie di valute, si accede con un conto reale, il cui deposito minimo è 100 Euro. Tuttavia, qualora si volesse dare un boost alla propria operatività, versando un importo di almeno 2000 Euro, questo broker permette di accedere, senza costi aggiuntivi, al servizio Trading central, un centro specializzato nell’analisi tecnica e analisi fondamentale, che ha pochi eguali nel settore.

IQ Option: un broker per tutte le tasche

In ultimo, ma solo in ordine di esposizione, Miglioribrokerforex.com approfondisce le caratteristiche di Iq Option: un broker davvero alla portata di tutti, se si pensa che il deposito minimo per accedere ad un conto reale è di appena 10 Euro. Tuttavia questo non significa che il servizio non sia all’altezza, dal momento che Iq Option ha una piattaforma proprietaria ben fatta, user friendly e con un’adeguata strumentazione di analisi per supportare le strategie dei trader; senza contare che, sulla coppia di valuta per eccellenza l’Euro-Dollaro, essendo intermediario market maker, IQ Option applica uno spread davvero molto competitivo (0,6 pip).

In conclusione, come si può facilmente evincere da questa analisi, ciascun trader ha determinate esigenze e un percorso operativo – diverso da quello di altri colleghi – costruito per raggiungere una strategia profittevole. È per queste ragioni che la scelta dell’intermediario non può essere univoca, ma deve essere sempre adattata alle peculiarità di ogni singolo investitore.