Il primo deposito nucleare al mondo conserverà scorie radioattive per 100.000 anni

  • Il primo impianto permanente di smaltimento delle scorie nucleari al mondo si prepara ad aprire in Finlandia.

L’energia nucleare rappresenterà oltre il 40 per cento della produzione totale di elettricità della Finlandia, superando ulteriormente il suo attuale posto nell’elenco dei principali paesi dipendenti dal nucleare del mondo.

Le barre di combustibile esaurite dei reattori nucleari saranno rivestite con strati di vari materiali prima di essere calate in tunnel a 430 metri sottoterra, dove saranno collocate in sicurezza. Questi si decomporranno nel corso di 100.000 anni, la quantità di tempo durante la quale le scorie nucleari rimangono tossiche.

Il progetto è in lavorazione da più di 25 anni, da quando l’azienda Posiva che lo ha guidato ha iniziato a cercare un sito adatto in Finlandia a metà degli anni ’90.

Olkiluoto è stato scelto per la sua posizione a metà strada tra due faglie geologiche (dicono che non ci sono molte possibilità che si verifichi un terremoto; i geologi affermano che il substrato roccioso su cui si trova la regione “è stato per lo più stabile negli ultimi mille milioni di anni“), e perché il substrato

roccioso è costituito da un tipo di roccia chiamato gneiss che è quasi impossibile per la penetrazione dell’acqua.

Sarah Hirschorn, direttrice di geoscienza dell’Organizzazione canadese per la gestione dei rifiuti nucleari, ha dichiarato:

“L’unico modo in cui le cose si spostano dal serbatoio alla superficie e hanno un impatto sulle persone è attraverso l’acqua”.

Oltre alla roccia, ci saranno molte altre barriere tra le barre del reattore interrate e il mondo esterno (compresa l’acqua che potrebbe raggiungere i tunnel). I robot sigilleranno le aste all’interno di contenitori di ghisa, che a loro volta si trasformeranno in contenitori di rame.

Le macchine inietteranno gas argon tra i due recipienti per fornire un’atmosfera inerte e la canna di rame verrà saldata. Da 30 a 40 barili di rame andranno in un foro gigante, che sarà sigillato con un’argilla chiamata bentonite e quindi sigillato di nuovo con cemento. Quindi sembra decisamente che quelle cose non vadano da nessuna parte per il resto del tempo, che è esattamente il punto.