Darwin non è mai stato uno scienziato biologo, si è laureato in teologia

Charles Darwin (1809-1882) era un pastore anglicano che sposò una sua cugina. Suo padre era un medico per famiglie benestanti, da qui il suo status. Durante il viaggio del Beagle (un un veliero a due alberi) non sapeva nemmeno che ciò che raccoglieva erano fringuelli e dovette inviarli a un amico per classificarli.

“Ovunque celebrato come pioniere del progresso, paladino della verità scientifica contro ogni dogmatismo”.

Cento anni prima di lui, i veri scienziati come Jean-Baptiste de Lamarck (1744-1829), che tra le tante cose coniarono il termine biologia, avevano già postulato teorie più adatte alla comparsa di nuove specie, della loro selezione naturale delle razze più adatte e favorite nella loro lotta per l’esistenza.

Darwin non è mai stato uno scienziato biologo, si è laureato in teologia

L’Origine dell’uomo (1871)… Il testo citato di seguito è stato scritto da una persona che è stata venduta all’umanità come il “padre della biologia”, Charles Darwin, Parte 1, capitolo V: “La selezione naturale come influenza sulle nazioni civilizzate”.

“Tra i selvaggi, i deboli nel corpo o nella mente vengono presto eliminati; così che, normalmente, chi sopravvive esibisce uno stato di salute vigoroso. Noi uomini civilizzati, invece, facciamo tutto ciò che è in nostro potere per controllare il processo di eliminazione: costruiamo ospizi per gli imbecilli, gli storpi, i malati; istituiamo leggi che proteggano i poveri; e i nostri medici investono tutta la loro abilità per cercare di salvare la vita di ciascuno fino all’ultimo momento. Abbiamo ragione di credere che le vaccinazioni abbiano preservato migliaia di individui che, per via della loro debole costituzione, sarebbero altrimenti rimasti vittime del vaiolo. Così i membri deboli delle società civilizzate propagano la loro stirpe. Nessuno che abbia presente l’allevamento degli animali domestici dubiterà che ciò debba essere altamente dannoso per la razza umana; ma, eccetto nel caso dell’uomo, quasi nessuno è tanto ignorante da permettere la riproduzione dei suoi animali peggiori”.