Base sotterranea degli Anunnaki? I misteriosi ingressi in Romania e Iraq

  • Secondo teorici e i ricercatori delle basi militari sotterranee sembrano essersi imbattuti in una base sotterranea degli Anunnaki. E il peggio è che il Pentagono sembra averlo scoperto in precedenza.

Molto è stato detto che nel mondo ci sono basi extraterrestri nascoste. Tuttavia, è possibile che esistano ancora alcune basi sotterranee degli Anunnaki? Una delle basi più importanti del pianeta potrebbe possedere la tecnologia degli Anunnaki. Sul Monte Bucegi, in Romania, potrebbe essere stato il luogo in cui si rifugiò l’esercito di Enki, tra le altre divinità dell’antica Mesopotamia.

Base sotterranea degli Anunnaki

Molti dei controllori che si sono dedicati alla mappatura e alla geolocalizzazione delle basi militari sotterranee, hanno sentito parlare di questa base. Sembra essere schermato dalla tecnologia elettromagnetica, che crea “invisibilità“. Tuttavia, nel 2002, è stato scoperto un buco nelle vicinanze del Monte Bucegi. Questa strana cavità penetrava all’interno dell’insieme roccioso.

L’ingresso conduceva immediatamente a un tunnel perfettamente realizzato, quindi gli esperti hanno assicurato che doveva essere stato fabbricato artificialmente. Questa caratteristica, sommata al possibile campo elettromagnetico che la circonda e alle immagini satellitari, fa pensare che si tratti di una base sotterranea.

Secondo i teorici, questa base è stata scoperta per la prima volta dal Pentagono, che ha rilevato il muro di energia e la frequenza di vibrazione attorno all’ingresso. Inoltre, le sue caratteristiche sono simili a quelle di un’altra base sotterranea scoperta a Baghdad, in Iraq, poco prima dell’inizio della “Guerra in Iraq”. Si ritiene che questo sia stato il vero motivo per cui le truppe statunitensi hanno invaso il paese e che altri lo abbiano preso senza che il popolo iracheno ne fosse a conoscenza.

Tecnologia sconosciuta

L’esercito degli Stati Uniti riuscì a penetrare nella difesa della base grazie ad un avanzato armamento sconosciuto portato da due generali del Pentagono, insieme al consigliere della Presidenza degli Stati Uniti.

L’ingresso a questa sola base sotterranea era a circa 60 metri dal muro di sicurezza elettromagnetico. Secondo i teorici, all’interno sono state trovate armi con una tecnologia molto avanzata per l’uomo. Fasci di plasma e macchinari in grado di penetrare oltre la crosta terrestre ad alta velocità.

Dopo aver attraversato il gigantesco tunnel, entrarono in una grande galleria che, nonostante avesse scollegato la barriera energetica, si poteva vedere con grande chiarezza. L’altra barriera ancora attiva, proprio di fronte alla prima, cominciò a emettere energia ancora maggiore. Gli ufficiali hanno continuato a scendere, notando 2 enormi sculture in pietra, una di fronte all’altra, alte circa 2 metri.

In essi c’erano scritti cuneiformi, come quello trovato nella Cueva de los Tayos (grotta situata sulle pendici orientali delle Ande, nella provincia di Morona-Santiago dell’Ecuador) o quelli del Lago Titicaca (situato sulla catena delle Ande tra Perù e Bolivia, è uno dei più grandi del Sud America, nonché il lago navigabile alla maggiore altitudine del mondo), solo questo era di origine totalmente sconosciuta.

Questo, secondo i funzionari, presentava caratteristiche proto-sumere, molto simili a quelle trovate nel Monolito Pokotia. È possibile che questa base sotterranea, insieme a quella trovata sul Monte Bucegi, siano in realtà basi sotterranee utilizzate dagli antichi re Anunnaki durante una guerra millenaria? Questa teoria potrebbe confermare l’esistenza di antichi astronauti.