Trump minaccia chiudere Twitter.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump oggi ha minacciato di “regolamentare fortemente” o di “chiudere” le piattaforme dei social media, dopo che Twitter ha definito due dei suoi messaggi “fuorvianti” e lo ha ritenuto un divulgatore di informazioni non verificate (fake news). “I repubblicani ritengono che le piattaforme dei social media facciano tacere completamente le voci conservatrici”, ha twittato il presidente oggi. “Li regolamenteremo fortemente o li chiuderemo, piuttosto che permettere che accada qualcosa del genere”, ha aggiunto.

Ieri il presidente Trump ha accusato Twitter di “interferire” alle elezioni presidenziali di novembre, dopo che il social network ha etichettato due dei suoi tweet come fuorvianti. “Twitter ora interferisce nelle elezioni presidenziali del 2020”, ha commentato il repubblicano dopo che il social network ha aggiunto la menzione “verifica i dati” a due dei suoi messaggi in cui ha dichiarato che il voto per posta era “fraudolento”.

La portavoce di Twitter Katie Rosborough ha dichiarato che i messaggi presidenziali “contengono informazioni potenzialmente distorte sul processo di voto e sono stati taggati per fornire contenuti aggiuntivi sul voto per posta”. Dopo la decisione del social network, il capo della Casa Bianca ha risposto virulentemente che “Twitter opprime completamente la libertà di espressione”.

“Come presidente, non permetterò che ciò accada”, ha sottolineato Trump, aggiungendo che nel 2016 queste reti hanno provato “e fallito” qualcosa di simile.

“Non possiamo permettere che una versione più sofisticata accada di nuovo”, ha avvertito.

Ha anche approfittato per sottolineare che neanche l’impianto di votazione per posta può essere consentito, “un modo gratuito di inganno, falsificazione e furto di schede”, perché con questo sistema “vincerà quello che inganna di più”.

“Twitter è davvero la piattaforma perfetta per lui”, ha dichiarato Vivian Schiller, un ex dipendente di Twitter che è ora direttore esecutivo di Aspen Digital, un programma dell’Aspen Institute.”Ovviamente non ha la portata di Facebook”, ha continuato. “Ma hai tutte le persone che amplificheranno il tuo messaggio, che si tratti di media, robot o altri funzionari del governo”.

Trump vincerà Twitter?” Si chiedeva Ali Akbar, un attivista conservatore noto anche con il nome di Ali Alexander e al quale il CEO di Twitter Jack Dorsey ha chiesto consiglio. “La risposta è, diavolo no. È troppo tardi per il latte versato”, ha detto. “Questo problema è stato completamente mal gestito dalla campagna e dalla Casa Bianca, e tutti vedono che si tratta di una tigre di carta, qualcuno che minaccia ma non rispetta”, ha aggiunto.