TikTok denunciata da una adolescente di 12 anni

Una adolescente britannica di 12 anni intende consegnare TikTok alla giustizia, accusando il social network di violazioni delle norme sulla protezione dei dati personali, adottate nell’UE. Questa settimana, un tribunale ha stabilito che l’identità della minore può essere nascosta nel caso. Il giudice ha dichiarato che la minore “intende andare in tribunale, affermando – a torto o a ragione – che i suoi diritti alla privacy e altri come lei sono stati violati in modi che richiedono rimedio”. Secondo le sue dichiarazioni, se l’adolescente non avesse ricevuto il permesso di rimanere anonimo, ciò potrebbe “avere un effetto agghiacciante sulla presentazione di denunce da parte dei bambini per rivendicare i loro diritti alla protezione dei dati”.

TikTok, divulgazione dell’identità a rischio bullismo diretto online

La causa in questione è “in una fase molto precoce” e l’accusa “implica una seria critica di quelli che possono essere aspetti chiave della modalità di funzionamento della piattaforma”. Il giudice ha anche fatto riferimento alle argomentazioni del Commissario per i bambini per l’Inghilterra, Anne Longfield, che ha agito per conto del minore nel caso, che ha spiegato che la divulgazione dell’identità della querelante potrebbe metterla a rischio, poiché potrebbe diventare il bersaglio di “bullismo diretto online da parte di altri bambini o utenti dell’applicazione TikTok”, nonché “reazioni negative o ostili da parte di influencer”.

TikTok tratta illegalmente i dati personali dei bambini

Per quanto riguarda la causa, Sky News precisa che gli avvocati della minore hanno affermato che TikTok tratta illegalmente i dati personali dei bambini per “ottenere introiti pubblicitari da clienti aziendali”. L’avvocato Charles Ciumei ha affermato che i dati elaborati includono, ma non sono limitati a: nomi utente, date di nascita, foto e video, informazioni sui dispositivi, indirizzi IP e account correlati su, ad esempio, Facebook.

La adolescente chiederà che i suoi dati vengano cancellati, secondo Sky News.

La prima risposta di TikTok

La piattaforma ha commentato il caso e ha affermato che “la privacy e la sicurezza sono le priorità principali per TikTok“. “Abbiamo forti politiche, processi e tecnologie in atto per proteggere tutti gli utenti e in particolare i nostri utenti più giovani”, ha continuato, affermando che la causa in questione è stata intentata “senza preavviso” e ora la piattaforma “sta valutando le sue conseguenze”.