Tempesta tropicale Cristobal si intensifica, allarme in Messico e Stati Uniti.

E’ allarme nella penisola Yucatan in Messico per la rapida formazione della tempesta tropicale Cristobal, nata dai rimasugli della tempesta Amanda. Qualche ora fa il fenomeno meteo si trovava 75 Km a nord-ovest di Ciudad del Carmen, Campeche, e 120 km a nord-est del porto di Dos Bocas, Tabasco. Ha venti massimi sostenuti di 75 km/h, raffiche di 95 km/h e movimento lento verso sud a 6 km/h.

L’ampia circolazione della tempesta tropicale manterrà piogge torrenziali in Campeche, Chiapas, Oaxaca, Quintana Roo, Tabasco, Veracruz e Yucatan. Grandi mareggiate e precipitazioni con probabile grandine, potrebbero causare frane, aumento dei flussi di fiumi e torrenti e inondazioni nelle aree basse degli stati citati.

Le ultime notizie parlano di un intervento dell’esercito messicano per portare aiuti alle famiglie in difficoltà e isolate dall’acqua che ha sommerso molte delle suddette zone.

Il National Meteorological Service (SMN) prevede che il livello medio del mare (Golfo del Messico) aumenterà da 50 a 70 centimetri (cm) sulla zona costiera di Campeche, Tabasco e Veracruz. Oltre alle onde alte dai 4 ai 5 metri nella Sonda de Campeche e dai 2 ai 3 metri nella linea costiera di Campeche, Quintana Roo, Veracruz e Tabasco.

Nelle prossime ore la tempesta tropicale Cristobal dovrebbe puntare verso il sud degli Stati Uniti come mostrato nella seguente immagine: