Sindrome neurologica sconosciuta: preoccupazione in Canada

Il governo della provincia canadese del New Brunswick ha creato un comitato di sorveglianza per indagare su una sindrome neurologica di causa sconosciuta che ha colpito almeno 48 residenti locali e ha causato sei morti. “La scoperta di una sindrome potenzialmente nuova e sconosciuta è spaventosa”, ha detto il ministro della Sanità canadese Dorothy Shephard durante una conferenza stampa. “So che gli abitanti del New Brunswick sono preoccupati e confusi riguardo a questa possibile sindrome neurologica. Condivido questa preoccupazione”.

Com’è questa nuova malattia e quali sintomi presenta?

A metà marzo, la CBC ha fatto trapelare una nota interna delle autorità sanitarie del New Brunswick, in cui si affermava che il primo caso noto della nuova malattia cerebrale era stato diagnosticato nel 2015. Altri undici casi sono emersi nel 2018, seguiti da altri 24 nel 2020. Gli altri casi sono stati segnalati nel corso di quest’anno. La malattia è stata riscontrata in pazienti di età compresa tra 18 e 85 anni ed è distribuita quasi equamente tra uomini e donne.

I sintomi della nuova sindrome includono: problemi di memoria, spasmi muscolari, problemi di equilibrio, difficoltà a camminare o cadute, visione offuscata o allucinazioni visive, perdita di peso significativa e inspiegabile, cambiamenti di comportamento e dolore agli arti superiori o inferiori.

La sindrome presenta diverse somiglianze con la malattia di Creutzfeldt-Jakob (MCJ), la forma più comune di malattia da prioni nell’uomo, che progredisce rapidamente ed è sempre fatale. Tuttavia, tutti i test per le forme note di malattia da prioni sono risultati negativi.

La maggior parte delle persone indagate con i sintomi della nuova sindrome vive nelle regioni sudorientali e nordorientali del New Brunswick, anche se le autorità locali hanno affermato di non aver trovato prove che i residenti di quelle regioni siano esposti a un rischio maggiore rispetto a quelli che vivono in altre parti del la Provincia.

I ricercatori non hanno ancora formulato una teoria sulle cause

Ad aprile, la sanità pubblica del New Brunswick ha iniziato a contattare le persone che avevano mostrato sintomi per chiedere a loro e alle

loro famiglie di completare un lungo questionario, un documento che può richiedere fino a quattro ore per essere completato. Finora sono stati effettuati cinque questionari e altri cinque verranno svolti questa settimana.

Il nuovo comitato di sorveglianza, composto da nove specialisti, mira a rivedere tutti i casi nei prossimi quattro mesi, più un periodo compreso tra le sei e le otto settimane per intervistare tutti i pazienti e le loro famiglie. È stata inoltre aperta una clinica speciale per diagnosticare e curare i pazienti sospettati di avere la sindrome.

La sanità pubblica sta lavorando con entrambe le reti sanitarie della provincia, nonché con il sistema di sorveglianza della malattia di Creutzfeldt-Jakob, l’Agenzia per la sanità pubblica del Canada e la divisione zoonotica della Canadian Food Inspection Agency, tra gli altri organismi.

In questo momento, non sappiamo cosa sia. Tutto è sul tavolo. Esamineremo tutte le possibilità e, si spera, cercheremo di sviluppare una buona comprensione della rara malattia“, ha affermato Edouard Hendriks, copresidente del comitato e vicepresidente degli affari medici, accademici e di ricerca per l’Horizon Health Network.

Non abbiamo ancora teorie“, ha affermato Natalie Banville, anche copresidente del comitato e vicepresidente degli affari medici per la rete sanitaria Vitalité:

“Stiamo indagando. Non abbiamo cause ambientali, non abbiamo cause genetiche, non abbiamo cause farmacologiche, non abbiamo una causa accertata”.