Shakira: Stop alla violazione dei diritti umani in Colombia

La famosissima cantante Shakira ha inviato un messaggio al Governo in Colombia, facendo riferimento al conflitto per la fallita riforma fiscale che il governo di Iván Duque voleva applicare: “I proiettili non potranno mai mettere a tacere la voce di chi soffre”.

La cantante colombiana Shakira si è espressa sui social contro la violenta repressione delle proteste sociali da parte del governo colombiano, che dura da sei giorni e ha provocato la morte di almeno 19 persone.

“È inaccettabile che una madre perda il suo unico figlio a causa della brutalità. E che ad altre 18 persone è stata tolta la vita in una protesta pacifica. I proiettili non riusciranno mai a mettere a tacere la voce di chi soffre”, ha detto l’artista dal suo account Instagram, dove ha pubblicato una foto delle manifestazioni.

“È essenziale non essere sordi al clamore dei nostri”, ha detto Shakira, dopo aver chiesto al governo di Iván Duque di “prendere misure urgenti”. “Fermare la violazione dei diritti umani e ripristinare il valore della vita umana al di sopra di qualsiasi interesse politico”, ha detto.

Grave situazione in Colombia

L’artista, che risiede alla periferia di Barcellona, ​​in Spagna, non è stato l’unico riferimento musicale che ha parlato della grave situazione in Colombia, generata nel bel mezzo del tentativo fallito del governo Duque di attuare una riforma fiscale, che è stata considerato dannoso per l’economia delle famiglie meno favorite, nel quadro della pandemia di coronavirus.

La cantante colombiana Karol G ha chiesto al presidente di “ascoltare il suo popolo” e ha chiesto aiuto alle Nazioni Unite per le violazioni dei diritti umani commesse dalle forze di sicurezza. “Le autorità stanno abusando del potere uccidendo persone innocenti che stanno marciando per i nostri diritti”, ha detto.

La denuncia di artisti famosi

Anche altri artisti locali come Juanes, Carlos Vives o Carolina Ramírez hanno fatto riferimento alla situazione nel paese. Mentre dall’estero, il canadese Justin Bieber ha chiamato a “pregare per il popolo della Colombia“, e il portoricano René Pérez, noto come Residente, hanno condiviso le immagini degli scontri tra forze dell’ordine e manifestanti. “Questo deve essere visto da tutti”, ha detto. E ha ritenuto che la diffusione delle immagini contribuisca “in modo molto più reale e onesto” affinché il mondo sappia cosa sta succedendo.

Questo martedì, l’ONU e l’Unione europea (UE) hanno condannato l’uso “sproporzionato” della forza nelle proteste in Colombia contro il progetto di riforma fiscale del governo – già ritirato. “Siamo profondamente allarmati per gli eventi accaduti nella città di Cali in Colombia la scorsa notte, quando la polizia ha aperto il fuoco sui manifestanti che protestavano contro la riforma fiscale, uccidendo e ferendo diverse persone, secondo le informazioni ricevute”, ha dichiarato a Ginevra Marta Hurtado, portavoce dell’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani.

 

Ver esta publicación en Instagram

 

Una publicación compartida por Shakira (@shakira)