Scienza: Virus possono sopravvivere in acqua dolce facendo l'autostop su microplastiche

Gli scienziati dell’Università di Stirling nel Regno Unito hanno dimostrato per la prima volta che il rotavirus, che causa diarrea e mal di stomaco, può sopravvivere fino a tre giorni e rimanere infettivo attaccandosi alle microplastiche nell’acqua dolce.

Richard Quilliam, ricercatore principale dell’articolo pubblicato sulla rivista Environmental Pollution, ha evidenziato che le microplastiche non possono essere catturate dagli impianti di trattamento delle acque reflue.

“Anche se un impianto di trattamento delle acque reflue sta facendo del suo meglio per ripulire i rifiuti, l’acqua scaricata contiene ancora microplastiche, che vengono poi portate lungo il fiume, nell’estuario e finiscono sulla spiaggia”, ha affermato.

“Non eravamo sicuri di quanto bene i virus ‘autostop‘ sulla plastica potessero sopravvivere nell’ambiente, ma sopravvivono e rimangono infettivi”, ha aggiunto.

Ha anche spiegato che le microplastiche sono così piccole che potrebbero essere ingerite dai bagnanti o dai bambini sulle spiagge. “E se i virus vengono poi rilasciati dalla plastica nell’acqua o nella sabbia, la loro persistenza nell’ambiente aumenta”, ha osservato.

Questa ricerca è davvero una prova del concetto per fare più ricerche su quanto tempo i patogeni possono sopravvivere legandosi alle microplastiche, dal momento che abbiamo testato solo per tre giorni, e cosa succede loro dopo”, ha detto Quilliam.