I Rolling Stones minacciano Trump di denunciarlo se continua a usare le loro canzoni.

La storica banda musicale Rolling Stones hanno avvertito il presidente degli Stati Uniti Donald Trump che avrebbe potuto affrontare un’azione legale se avesse continuato a usare le loro canzoni durante i suoi raduni elettorali. La rock band britannica ha cercato per anni di impedire al presidente di appropriarsi della canzone “You Can’t Always Get What You Want” come colonna sonora nelle sue uscite ai comizi.

Ieri il gruppo musicale ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che sta reclutando BMI, l’organizzazione per i diritti di esibizione che sovrintende all’uso pubblico della canzone, nel suo sforzo per impedire che la traccia venga utilizzata per scopi politicamente di parte. Nell’articolo apparso nella rivista The Rolling Stone, la band dice che presenterà una causa se Trump continua a usare la canzone senza una licenza.

BMI ha informato il responsabile della campagna elettorale di Donald Trump per conto della band che “l’uso non autorizzato delle loro canzoni costituirà una violazione del loro accordo di licenza”. “Se Donald Trump ignora l’esclusione e persiste, affronterebbe una causa legale per rompere l’embargo e riprodurre musica non autorizzata”.

Come BMI ha spiegato a Deadline, la campagna di Trump ha una licenza per entità politiche che autorizza l’esecuzione pubblica di oltre 15 milioni di opere musicali nel repertorio di BMI, ovunque si verifichino gli eventi della campagna. Tuttavia, esiste una disposizione che consente a BMI di escludere le opere musicali da quella licenza se un compositore o un editore si oppone al loro uso da parte di una campagna.

BMI ha ricevuto una tale obiezione e ha inviato una lettera in cui comunicava alla campagna Trump che le opere dei The Rolling Stones sono state rimosse dalla licenza, affermando che qualsiasi uso futuro di queste composizioni musicali violerà il loro accordo con BMI.