NASA, scoperta salinità in un lago secco di Marte.

Specialisti della NASA hanno condotto un’analisi geochimica dei campioni di roccia raccolti dal rover Curiosity. I campioni studiati hanno mostrato un alto contenuto di magnesio e solfati di calcio, le cui caratteristiche indicano la formazione di soluzioni con un alto contenuto di sale. Queste rocce sedimentarie si sono formate circa 3,5 miliardi di anni fa quando c’era un lago salato sul fondo del cratere Gale, scrivono gli autori sulla rivista Nature Geoscience.

Marte moderno è un deserto, ma in passato la situazione era diversa

I dati più preziosi su questo argomento sono stati raccolti dal Curiosity, che è atterrato sul Pianeta Rosso nel 2012. Il veicolo robotico si trova nel grande cratere Gale, il cui studio sulle rocce di fondo ha già permesso di dimostrare la presenza di laghi temporanei in questa depressione.

Ora, in una nuova opera guidata da Ashwin Vasavada del Jet Propulsion Laboratory della NASA, viene presentata un’analisi del sale della regione di Sutton Island sul fianco di una collina di Sharp Mountain, un’elevazione centrale nel cratere Gale.

La curiosità è stata localizzata in questa regione nel 2017. Questi composti formano rocce sedimentarie durante l’essiccazione dei laghi e sono ampiamente utilizzati per determinare le condizioni atmosferiche, nonché la composizione chimica delle soluzioni sia sulla Terra che su Marte.

Gli scienziati hanno studiato campioni del periodo esperio del pianeta (3,3-3,7 miliardi di anni fa) e hanno scoperto rocce sedimentarie di argilla del lago-fiume con inclusioni di diversi solfati sotto forma di minerali.

Questa miscela di sostanze indica la cristallizzazione dei sali in un ambiente umido.

Molto probabilmente, i minerali formati sul fondo di depositi secchi poco profondi e che la concentrazione di sali disciolti nell’acqua rimanente raggiungono contemporaneamente valori limite.

Antico clima marziano

Gli autori suggeriscono che il clima di quel tempo su Marte possa essere paragonato alla moderna regione dell’Altiplano in Sud America. Qui, le correnti d’acqua scorrono dalle cime delle montagne verso un altopiano con un clima arido, formando laghi che ricordano quelli del cratere Gail. Nei periodi più asciutti, alcuni laghi evaporano completamente e rimangono invece privi di vegetazione.

“Mentre scaliamo il Monte Sharp, vediamo un cambiamento nel paesaggio da più umido in passato a più secco”, dice Vasavada. “Ma questa tendenza non è stata necessariamente lineare. Piuttosto, è stata irregolare e ha coinvolto periodi più asciutti, come vediamo su Sutton Island, e potrebbe essere sostituita da altre più umide, come le aree ricche di argilla dove si trova Curiosity adesso”.

All’inizio di quest’anno, Curiosity è tornato al lavoro dopo un altro fallimento ed è stato visto dall’orbita dal satellite MRO. A gennaio, il rover ha preso il suo ultimo selfie sulla cresta di Vera Rubin, uno sperone roccioso di argilla sulle pendici del Monte Sharp su Marte, che è stato la casa del rover per più di un anno e ha fornito agli scienziati nuovi campioni e nuove misteri da risolvere.