Iraq chiede agli USA di ritirare le truppe dal paese: la risposta degli americani.

Il primo ministro iracheno, Adel Abdul Mahdi, ha chiesto al segretario di Stato americano, Mike Pompeo, di inviare una delegazione nel suo paese per formulare il meccanismo per attuare la risoluzione del Parlamento che chiede il ritiro delle truppe americane dall’Iraq.

“Il primo ministro ha affermato che le forze statunitensi sono entrate in Iraq e che i droni stanno volando nel loro spazio aereo senza il permesso delle autorità irachene e questa è stata una violazione degli accordi bilaterali”, afferma il comunicato ufficiale.

Allo stesso modo, Abdul Mahdi ha dichiarato che l’Iraq rifiuta tutte le violazioni della sua sovranità, incluso l’attacco del Pentagono che si è concluso giovedì con la vita del generale iraniano

Qassem Soleimani all’aeroporto di Baghdad o il lancio di 22 missili da parte di Teheran contro le basi irachene che ospitano soldati statunitensi condotti mercoledì.

Stati Uniti risponde alla domanda irachena sul ritiro delle sue truppe.

In risposta alla domanda irachena sul ritiro delle truppe statunitensi, il Dipartimento di Stato americano ha risposto venerdì, affermando che, come diffuso da Reuters, qualsiasi delegazione degli Stati Uniti inviata nel paese arabo sarà per discutere dell’alleanza strategica tra Washington e Baghdad, non per ritirare le sue truppe.