Il Progetto Segreto del Vaticano per Viaggiare nel Tempo.

Secondo numerosi resoconti e indagini, tra i molti presunti segreti che il Vaticano mantiene, esiste un dispositivo chiamato Cronovisore. Il cronovisore (o cronoscopio, in inglese Chronovisor) consentirebbe all’utente di osservare eventi passati e futuri. Molti credono che questo dispositivo sia uno dei più grandi segreti che l’umanità abbia mai avuto. Alcuni credono addirittura che si tratti di uno “strumento” cruciale che ha permesso al Vaticano di preservare la sua influenza e il suo potere nel corso degli anni.

Da quando H G Wells ha composto il suo romanzo “La macchina del tempo“, molte persone sono rimaste affascinate dall’idea del viaggio nel tempo. Anche la fisica teorica sogna la possibilità di farlo funzionare un giorno. Tutto ciò che sappiamo sui viaggi nel tempo di oggi è legato alla fantascienza, o almeno così sembra.

È interessante notare che il 2 maggio 1972 il giornale italiano “La Domenica del Corriere” riportò il testo di un’intervista a padre Ernetti sugli esperimenti che lo avrebbero condotto alla costruzione di un apparecchio da lui denominato macchina del tempo (articolo dal titolo “Inventata la macchina che fotografa il passato“, in La Domenica del Corriere, n. 18 del 2 maggio 1972, pp. 26-29).

L’articolo indicava inoltre che decine di scienziati aveva creato un artefatto che ha permesso loro di fotografare il passato e hanno anche assistito a importanti testimonianze storiche direttamente correlate a Gesù Cristo.

Padre Pellegrino Maria Ernetti.

Il presunto dispositivo – che secondo molti non è altro che fantascienza – sarebbe stato costruito negli anni ’50 da un gruppo di scienziati guidati da padre Pellegrino Maria Ernetti, un fisico italiano e monaco benedettino dell’Abbazia di San Giorgio Maggiore di Venezia (Rocca Santo Stefano, 1925 – Venezia, 1994). Si ritiene che il team abbia ricevuto un sostegno significativo dal premio Nobel Enrico Fermi e dal famoso scienziato missilistico Wernher von Braun.

Foto Padre Pellegrino Maria Ernetti.

Il cronovisore sarebbe un oggetto relativamente piccolo che sarebbe dotato di una serie di antenne, composte interamente da leghe di metalli preziosi, tubi catodici, alcuni quadranti e leve.

I rapporti di padre Ernetti suggeriscono che chiunque usi il dispositivo è in grado di catturare e registrare luoghi specifici, eventi importanti e seguire persone importanti nella storia.

Si dice anche che in perfette condizioni, il dispositivo offre all’utente la possibilità di anticipare cosa sarebbe successo nel prossimo futuro. Tuttavia, padre Ernetti è rimasto riservato e ha indicato che non era libero di divulgare ulteriori dettagli sul cronovisore.

Una macchina in grado di rispondere a tutte le domande relative alla Bibbia.

Secondo numerosi resoconti, padre Ernetti ha usato il cronovisore per assistere a importanti eventi storici, il più notevole dei quali è la crocifissione di Cristo.

Il sacerdote francese François Charles Antoine Brune è stato uno dei primi a conoscere il cronovisore. Secondo padre François, conobbe padre Ernetti negli anni ’60 mentre viaggiavano sul Canal Grande a Venezia. Essendo entrambi esperti di lingue antiche, nel corso degli anni hanno iniziato a parlare della Bibbia e della sua interpretazione. Padre Brune era molto incuriosito quando Padre Ernetti rivelò che esisteva una macchina in grado di rispondere a tutte le domande relative alla Bibbia.

Il Progetto Segreto del Vaticano per Viaggiare nel Tempo.

Quando Padre François gli chiese della Macchina, Padre Ernetti descrisse il cronovisore, dicendo che era un dispositivo che funzionava come una televisione, ma invece di ricevere trasmissioni dalle stazioni locali, poteva sintonizzarsi con il passato e consentire allo spettatore di “vedere e ascoltare” eventi accaduti secoli prima.

Ernetti disse a Brune che la macchina funzionava rilevando immagini e suoni che l’umanità aveva “creato” e che stavano “fluttuando” nello spazio. Si dice che questo intrigante dispositivo, e il progetto dietro di esso, furono cancellati dal Vaticano ma non distrutti. Alcuni credono che il cronovisore sia da qualche parte in Vaticano, nascosto in una delle tante camere, nascosto dalla società…