giochi ubisoft steam assassins creed valhalla

Dopo che sono trascorsi quasi quattro anni senza la distribuzione dei giochi su Steam da parte di Ubisoft, sembra che lo sviluppatore del gioco abbia cambiato idea. Pertanto, la società ha annunciato che tre dei suoi titoli recentemente rilasciati entreranno a far parte del catalogo di giochi di questa piattaforma, anche se la loro disponibilità sarà resa progressivamente.

Il primo dei titoli ad arrivare su Steam il 6 dicembre sarà Assassin’s Creed Valhalla, uscito nel 2020, mentre per Anno 1800 e Roller Champions non sono ancora state annunciate le date di quando verranno caricati su Steam.

E molti si staranno chiedendo perché Ubisoft abbia deciso di distribuire questi giochi su Steam dopo quattro anni. Ebbene, il motivo di ciò è dovuto a una strategia di Ubisoft per rendere disponibili questi giochi al maggior numero di utenti possibile.

Tuttavia, molti sospettano che possa essere dovuto a un problema di commissione. In tal senso, Chris Early, responsabile partnership e revenue di Ubisoft, aveva definito irrealistico il modello di business di Steam dopo aver stabilito una commissione del 30% per ogni gioco distribuito sulla sua piattaforma, mentre Valve a quel tempo aveva una commissione del 12%.

Ciò ha portato Ubisoft a scegliere Valve per la distribuzione dei suoi giochi da Far Cry 6 a Ghost Recon: Breakpoint.

D’altra parte, è noto che Epic Games ha pagato milioni di dollari per ottenere versioni esclusive.

Con questo passo compiuto da Ubisoft, molti hanno già speculato sull’arrivo su Steam di giochi come i nuovi capitoli di Assassins Creed, il remake di Splinter Cell, Beyond Good and Evil 2 e Skull & Bones, anche se questo non è stato ancora confermato confermato ufficialmente dalla società.

Allo stesso modo, è probabile che gli utenti di Steam Deck si stiano chiedendo se questi titoli Ubisoft possano essere giocati su questa piattaforma, il che sarebbe possibile, sebbene non siano state fornite informazioni al riguardo.