Gigantesco Iceberg si stacca dall'Antartide.

La divisione antartica australiana ha annunciato martedì che un gigantesco iceberg di 315 miliardi di tonnellate si è staccato dalla piattaforma di ghiaccio di Amery, considerato il terzo più grande del continente bianco.

Per le sue caratteristiche, il blocco era noto come il “dente libero” dell’area e la sua separazione era prevedibile. È un iceberg tabulare caratterizzato da una cima piatta, lunga circa 50 chilometri e larga 30 chilometri, che raggiunge i 1636 chilometri quadrati.

Gli scienziati hanno paragonato le dimensioni dell’iceberg con le dimensioni dell’area urbana di Sydney o dell’Isola Skye in Scozia. Abbiamo notato per la prima volta una crepa nella parte anteriore della piattaforma di ghiaccio nei primi anni 2000 e abbiamo predetto che un grande iceberg si sarebbe rotto tra il 2010 e il 2015″, ha dichiarato Helen Fricker, professore presso l’Istituto di oceanografia Scripps.

I ricercatori hanno studiato l’iceberg, ufficialmente chiamato D-28, dagli anni ’60. Secondo il registro delle immagini satellitari, è stato stabilito che la sua separazione è avvenuta il 26 settembre, quasi 55 anni dopo l’ultimo importante distacco registrato sul sito.

Conseguenza del riscaldamento globale?

“Non crediamo che questo evento sia legato al cambio climatico, fa parte del normale ciclo della piattaforma di ghiaccio, dove vediamo grandi distacchi ogni 60 o 70 anni”, ha spiegato Fricker.

Nonostante le grandi dimensioni dell’Iceberg D-28, gli esperti ritengono che la sua “partenza” non influirà direttamente sul livello del mare, poiché il blocco galleggiava già “come un cubetto di ghiaccio in un bicchiere d’acqua”.

Tuttavia, i ricercatori ritengono che la perdita di ghiaccio influenzerà lo scioglimento dell’oceano sotto la rimanente piattaforma di ghiaccio.