Enorme Massa d'acqua calda si dirige verso il Sud America.

Pochi giorni fa, è stata scoperta la presenza di un fenomeno insolito vicino alla Nuova Zelanda, nell’Oceano Pacifico. Il fenomeno (denominato Hot Blob) è un grande specchio d’acqua calda che si muove in direzione del Sud America. L’immagine del sito web Climate Reanalyzer mostra un’enorme massa di un milione di chilometri quadrati in movimento. Cos’è questa massa? Come influenzerà il Sud America quando se impatta sulle sue coste?

La temperatura media dell’acqua è aumentata così tanto in una parte dell’Oceano Pacifico che esce dalla scala utilizzata dalla National Oceanic and Atmospher Administration (NOAA) per mostrare questo tipo di fenomeno. L’area, che ha attirato l’attenzione degli scienziati, è circa il doppio di quella dell’America centrale e può essere rilevata dallo spazio.

“In questo momento è la porzione più grande del pianeta al di sopra del riscaldamento medio. Normalmente le temperature sono di circa 15 gradi Celsius, in questo momento sono di circa 20 gradi“, ha dichiarato James Renwick, direttore di geofrafia, ambiente e scienze della terra presso l’Università della

Virginia a Wellington. La massa marina misura circa un milione di chilometri quadrati o 400 mila miglia quadrate. “La superficie dell’oceano non varia così bruscamente”, ha detto Renwick alla CNN. “Un grado (Celsius) è abbastanza; quindi cinque gradi sono un valore enorme“.

Le cause di questo strano fenomeno

Il fenomeno è probabilmente il risultato di un sistema ad alta pressione e mancanza di vento, secondo l’esperto. La superficie dell’acqua si è riscaldata con il sole senza molta brezza. Non crede che questa “macchia” sia molto profonda: circa 24 metri al massimo. È possibile che un “anticiclone” sia responsabile della riduzione dei venti nella zona. Come suggerisce il nome, è l’opposto di un ciclone ed è caratterizzato dall’assenza di pioggia. Nella direzione in cui di solito si muovono le correnti, la massa si sposta in Sud America. “I venti da ovest soffiano praticamente sempre nell’emisfero meridionale e vanno da ovest a est e le acque sottostanti tendono a muoversi nella stessa direzione”, ha spiegato.