Elicotteri Uber collegano Manhattan con l'aeroporto JFK di New York in 8 minuti.

Da questo martedì è una realtà: gli elicotteri di Uber sono già a New York e collegano l’isola di Manhattan con l’aeroporto internazionale John F. Kennedy in soli otto minuti. Tutto un risparmio di tempo per chi può spendere i 200 dollari per il costo del servizio.

Dalle vicinanze dell’eliporto di Lower Manhattan, dove gli aerei turistici decollano, i fotografi hanno atteso l’immagine del giorno: l’atterraggio dell’elicottero nero di Uber per raccogliere passeggeri.

Molti sono stati frustrati nell’apprendere, secondo le fonti della compagnia, che le aeronavi che collegano il JFK oggi non saranno identificate con il logo Uber.

La famosa compagnia per il noleggio di veicoli con autista inizia questo martedì la sua avventura del trasporto aereo di passeggeri offrendo ai suoi clienti “platino” e “diamante” la possibilità di evitare lunghi spostamenti per l’aeroporto, che possono richiedere fino a due ore.

Quest’ultimo è gestito da una società chiamata Heliflite, con sede nello stato limitrofo del New Jersey, che offre il trasporto di un massimo di cinque passeggeri con due piloti ai comandi dell’elicottero.

Il capo della divisione di Uber Elevate, Eric Allison, alcune settimane fa:

“Questo è un viaggio che molti viaggiatori fanno ogni giorno e vediamo l’opportunità di risparmiarli un sacco di tempo”.

Elevate è la filiale incaricata di esplorare le possibilità del trasporto aereo, un campo in cui Uber ha già fatto una prima incursione a Dubai.

Lì, offre escursioni turistiche di 12 minuti per $ 142.

Gli Uber Copters, tuttavia, sono più funzionali e offriranno assistenza dal lunedì al venerdì nelle ore pomeridiane con più traffico e potranno essere prenotati al momento o fino a cinque giorni in anticipo. Sempre tramite la stessa applicazione telefonica che consente di ordinare un’auto.

Progetto iniziato con un incidente e un morto.

La start-up era noto agli inizi di giugno, anche se le autorità locali ne mettevano in dubbio la convenienza perché, pochi giorni dopo, un elicottero si schiantò contro un grattacielo a pochi metri dal centro di Times Square.

Il pilota morì nell’incidente, dopo essere stato disorientato dalla fitta nebbia che copriva l’isola. Personalità come il portavoce del Consiglio comunale, Corey Johnson, si chiedevano se fosse necessario riempire di taxi lo spazio aereo di New York.

Successo in borsa per UBER.

Il successo degli “Uber Copters” sarebbe una spinta per la compagnia, che quest’anno ha vissuto una clamorosa anteprima su Wall Street, nonostante sia stata una delle grandi scommesse degli investitori.

Il decollo degli elicotteri ha anche incrementato le azioni di Uber, che a metà sessione hanno guadagnato l’1,65% sul New York Stock Exchange. Da quando è diventato pubblico a metà maggio, in soli due giorni ha chiuso sopra i 45 dollari che ha fissato per la sua anteprima sul mercato azionario.