COVID-19 sta riducendo l'aspettativa di vita nel mondo.

Nel mondo il coronavirus è già riuscito a infettare più di 31 milioni di persone, oltre a togliere la vita ad altre 964 mila. Al momento la medicina e la scienza si stanno muovendo a pieno ritmo per trovare un mezzo con cui combattere le malattie. Tuttavia, questo è già avanzato in modo tale che è ora di iniziare a contemplare i futuri scenari post-pandemici e l’effetto che avrà su di essi. Con questo in mente, i ricercatori dell’IIASA hanno riportato i risultati della loro ricerca attraverso la rivista Plos ONE.

Guillaume Marois, uno dei ricercatori dell’IIASA e direttore della ricerca, ha commentato i risultati dicendo quanto segue:

“Il nostro studio fornisce la prima valutazione del potenziale impatto del COVID-19 sull’aspettativa di vita per un periodo in base a una varietà di scenari di tasso di prevalenza su un periodo di un anno”.

In altre parole, lo studio è stato il primo a valutare i cambiamenti che l’aspettativa di vita avrà in diverse parti del mondo entro un anno se il coronavirus continuerà ad avanzare. I loro risultati hanno rivelato che questo effetto può essere maggiore o minore a seconda dell’impatto che COVID-19 ha avuto in ciascuna area.

Il cambiamento si farà sentire con forza nelle zone più colpite

I ricercatori hanno condotto il loro studio creando un modello di microsimulazione in grado di riprodurre scenari di contagio COVID-19 in diversi territori. Inoltre, utilizzando i dati sui sistemi sanitari, le morti attuali per coronavirus e i tassi di mortalità abituali, è possibile stimare la progressione nel tempo di misurazioni come l’aspettativa di vita delle popolazioni. Quest’ultimo non è altro che il numero stimato di anni che ci si può aspettare che le persone vivano quando si trovano in un determinato spazio circondato da condizioni ambientali specifiche.

Per poterlo fare, hanno diviso la loro attività di simulazione per aree. Sono state così create 4 grandi regioni (Nord America ed Europa; America Latina e Caraibi; Sud-Est asiatico e Africa subsahariana). Di questi, i ricercatori hanno evidenziato che aree come il Nord America e l’Europa potrebbero essere le più gravemente colpite. Ciò non solo a causa dell’impatto di COVID-19 sulla sua popolazione, ma perché la sua tendenza all’aumento nelle misurazioni dell’aspettativa di vita sarebbe interrotta.

Aspettativa di vita nel futuro dopo il COVID-19

I ricercatori IIASA sono stati in grado di determinare che i tassi di prevalenza di COVID-19 nelle popolazioni erano vitali per misurare l’impatto sulla diminuzione della loro aspettativa di vita. Nel caso in cui i contagi fossero tenuti sotto controllo e la prevalenza fosse inferiore al 2% dei 100.000 cittadini rappresentati nella simulazione, allora l’aspettativa di vita dei paesi non riceverebbe modifiche.

Tuttavia, non appena sale leggermente da quella percentuale, i cambiamenti potrebbero iniziare a essere evidenti nelle proiezioni. Secondo lo studio, una prevalenza del 10% potrebbe diminuire di un anno l’aspettativa di vita nelle aree sviluppate come l’Europa e il Nord America. D’altra parte, una prevalenza del 50% porterebbe a perdite comprese tra 3 e 9 anni nell’aspettativa di vita generale di nazioni con un’aspettativa abituale di circa 80 anni per cittadino.

Conseguenze reversibili

Un punto da tenere in considerazione per il futuro è quello citato dagli esperti sulla mutevolezza della situazione. Come sappiamo, l’aspettativa di vita può aumentare o diminuire a seconda delle condizioni in cui vivono gli individui. Pertanto, una volta superata la crisi del COVID-19, a poco a poco l’aspettativa di vita potrebbe tornare ai suoi valori precedenti al COVID-19. Marois lo ha ribadito dicendo:

“(…) anche nelle regioni più colpite, l’aspettativa di vita probabilmente si riprenderà una volta terminata la pandemia”.

Tuttavia, dobbiamo essere chiari che questo non sarà un processo immediato, ma uno sforzo continuo che potrebbe richiedere anni. Questo poiché, in effetti, l’aspettativa di vita generalmente diminuisce molto più velocemente di quanto non aumenti.

Il valore della ricerca

“Questi scenari ipotetici possono fornire informazioni rilevanti per le politiche su cosa potrebbe accadere all’aspettativa di vita a diversi livelli di prevalenza, variando con le strategie di salute pubblica per ridurre e prevenire la diffusione di COVID-19“, ha detto Raya Muttarak , coautore dello studio.

Muttarak è anche vicedirettore dell’IIASA World Population Program. Dal suo punto di vista, ha sottolineato l’importanza delle misure di allontanamento sociale e delle limitazioni ai movimenti durante la pandemia. Poiché, secondo il loro modello, è senza queste misure che si verificherebbero i peggiori casi di contagio. Quindi sarebbe lì quando l’aspettativa di vita delle popolazioni sarebbe più influenzata.

I ricercatori sperano che i responsabili delle decisioni tengano conto di queste informazioni durante la pianificazione delle strategie per il futuro. Da allora, conoscendo il possibile impatto delle loro misure sull’aspettativa di vita della popolazione, i leader potevano scegliere l’uno o l’altro percorso con più basi. Pertanto, agirebbero con una strategia impostata per ottenere buoni risultati a lungo termine e non solo per risolvere le contingenze del momento.


Fonte: Articolo dal titolo “Assessing the potential impact of COVID-19 on life expectancy” [Link esterno].