Cina, prima rete quantistica al mondo di migliaia di km.

Scienziati cinesi hanno svelato la prima rete di comunicazione quantistica integrata composta da 700 fibre ottiche, che si estende per 2000 chilometri tra Pechino e Shanghai, e ha due collegamenti con il satellite quantistico Micius, collegando Xinglong e Nanshan, a 2600 di distanza chilometri.

I dettagli sul reticolo quantico lungo 4600 Km sono stati pubblicati sulla rivista Nature. Si distinguono così quattro Quantum Metropolitan Area Network (QMAN), che includono Pechino, Jinan, Hefei e Shanghai, mentre Xinglong, oltre ad essere connesso al satellite quantistico, è anche connesso alla rete dell’area metropolitana quantistica di Pechino utilizzando fibre ottiche.

La comunicazione quantistica è considerata impossibile da “hackerare”

A differenza della crittografia convenzionale, la comunicazione quantistica è considerata impossibile da “hackerare”, intercettare o intervenire ed è quindi percepita come il futuro del trasferimento sicuro di informazioni riservate. La comunicazione quantistica si basa sulla distribuzione delle chiavi quantistiche, che a loro volta consistono nella formazione di una catena di zeri e uno attraverso gli stati quantistici delle particelle, ad esempio i fotoni.

Qualsiasi intervento e ascolto tra mittente e destinatario cambierà questa stringa o chiave e verrà immediatamente notato.

Micius, il primo satellite quantistico al mondo

Nel 2016, la Cina ha lanciato il primo satellite quantistico al mondo, chiamato Micius, e ha ottenuto la distribuzione delle chiavi quantistiche con due stazioni di terra a Xinglong e Nanshan, a 2600 chilometri di distanza. Nel 2017 è stata completata una rete in fibra ottica di oltre 2000 chilometri per la distribuzione di chiavi quantistiche tra Pechino e Shanghai.

La rete in fibra terrestre e le connessioni satellitari sono state integrate per servire più di 150 utenti industriali in tutta la Cina, comprese banche statali e locali, reti elettriche municipali e siti web governativi. Negli ultimi due anni, specialisti cinesi hanno testato e migliorato le prestazioni di diverse parti della rete integrata.

Adesso il team prevede di espandere la rete in Cina e con i suoi partner internazionali Austria, Italia, Russia e Canada e di sviluppare satelliti quantistici economici con ricevitori a terra, nonché satelliti in orbita terrestre media e alta per ottenere comunicazioni quantistiche senza precedenti.