balene megattere canto australia ecuador

I canti delle balene (megattere maschi) in alcune parti dell’Oceano Pacifico sono imitati dalle balene in altre parti dell’oceano a enormi distanze fino a 14 mila chilometri, mostra un recente studio condotto da un team internazionale di ricercatori dell’Università di St. Andrews, Scozia, l’Universidad San Francisco de Quito e l’Acoustic Ecology Program del progetto CETACEA in Ecuador.

In precedenza si sapeva che le megattere maschi, Megaptera novaeangliae, cantavano una canzone stereotipata che si evolve lentamente ogni anno e viene trasmessa dall’Australia orientale alla Polinesia francese. Tuttavia, gli scienziati non erano a conoscenza dell’entità di questa “trasmissione culturale“, afferma il documento, pubblicato su Royal Society Open Science.

Anche se non è chiaro il motivo per cui le balene cantano queste canzoni, gli oceanografi sospettano che sia probabilmente per lo stesso motivo per cui lo fanno molti uccelli, umani e altre specie nel mondo animale: per attirare una compagna.

Lo studio suggerisce che la trasmissione unidirezionale del canto nel Pacifico meridionale si estende non solo dall’Australia alla Polinesia francese (circa 6000 km), ma anche per ulteriori 8000 km fino all’Ecuador. Questa scoperta dimostra che esiste una connettività vocale tra popolazioni separate da 14000 km.

Per raggiungere una tale conclusione, gli scienziati hanno registrato i canti delle megattere tra il 2016 e il 2018 in vari siti del Pacifico. Dopo aver analizzato i suoni, hanno scoperto che due popolazioni, una nella Polinesia francese e l’altra vicino all’Ecuador, avevano cantato due canzoni molto diverse tra il 2016 e il 2017, ma che nel 2018 entrambi i gruppi erano stati registrati mentre cantavano la stessa canzone.

Metà del mondo è ora collegato vocalmente dalle balene“, ha detto al New York Times Ellen Garland, biologa marina dell’Università di St Andrews in Scozia e una delle coautori dello studio.

Lo studio sostiene che la comprensione di questo fenomeno culturale fornirà preziose informazioni per lo studio dell’evoluzione della comunicazione complessa, compresa l’evoluzione del linguaggio e della cultura umana. “Come per gli esseri umani, i modelli di migrazione sono scritti nelle canzoni delle megattere“, si legge nella conclusione.