Uno studio dettagliato del cielo australe, mai effettuato prima, mostra galassie sconosciute che sono state trovate grazie all’uso delle onde radio. Utilizzando il radiotelescopio australiano SKA Pathfinder, sono stati raccolti dati per mappare lo spazio.

In circostanze normali ci vorrebbero anni, ma grazie a questo radiotelescopio è stato fatto in meno di 2 settimane. Le informazioni raccolte producono immagini cinque volte più sensibili e due volte più dettagliate delle precedenti.

Tutti gli oggetti nell’Universo emettono radiazioni in un ampio spettro, questo è chiamato spettro elettromagnetico e ogni lunghezza d’onda trasporta informazioni diverse.

Quando una lunghezza d’onda è lunga può passare facilmente attraverso le nuvole, la polvere e l’atmosfera.

Consentendo di studiare ambienti estremi dell’Universo come nuvole di gas freddo e buchi neri supermassicci.

Il team della divisione di astronomia e scienze spaziali responsabile del progetto ha stabilito un record rilevando l’83% del cielo in soli 10 giorni. Produrre 903 immagini, ognuna delle quali ha richiesto 15 minuti di esposizione e sono state poi combinate su una mappa per formare un panorama del cielo notturno.

Qui è possibile accedere alla mappa.


Fonte: “We’ve mapped a million previously undiscovered galaxies beyond the Milky Way. Take the virtual tour here” [theconversation.com]-