anne heche spacciata famiglia attrice donera organi

L’attrice Anne Heche (53 anni) ha avuto un gravissimo incidente d’auto a Los Angeles. Dopo aver trascorso quasi una settimana in ospedale, la sua famiglia ha informato i media che non dovrebbe sopravvivere. Il veicolo su cui viaggiava Heche si è schiantato contro un’abitazione dopo essere uscito di strada ad un incrocio. L’attrice è rimasta gravemente ferita ed è stata portata al West Hills Hospital. Nel sangue tracce di farmaci. Tra i suoi film Donnie Brasco e So cosa hai fatto. In tv Allie McBeal e Ellen, con la compagna e protagonista DeGeneres.

Secondo i vigili del fuoco di Los Angeles, l’auto è finita all’interno di una casa a due piani e ha provocato un incendio che è stato spento dopo più di un’ora da quasi 60 vigili del fuoco. Sebbene il 7 agosto sia stato riferito che l’attrice era stabile, cinque giorni dopo la sua famiglia ha riferito che le possibilità che sopravvive sono scarse.

La famiglia ha dichiarato:

“Purtroppo, a causa del suo incidente, Anne Heche ha subito una grave lesione cerebrale anossica e rimane in coma, in condizioni critiche.

Non è previsto che sopravviva… È stata a lungo una sua scelta di donare i suoi organi e viene tenuta in vita per determinare se alcuni sono vitali”.

Com’è successo l’incidente stradale di Anne Heche?

La lesione cerebrale di Heche si è verificata dopo che questo organo è stato privato dell’ossigeno a causa delle lesioni causate dall’incidente. Secondo le dichiarazioni alla stampa, l’attrice stava accelerando quando ha perso il controllo della sua auto. Tra le altre lesioni, Anne Heche ha subito una lesione polmonare significativa che ha richiesto la ventilazione meccanica, nonché ustioni che hanno richiesto un intervento chirurgico d’urgenza.

La famiglia ha poi precisato:

‘”Vogliamo ringraziare tutti per i loro gentili auguri e preghiere per la guarigione di Anne e ringraziare il personale dedicato e le meravigliose infermiere che si sono prese cura di Anne al Grossman Burn Center del West Hills Hospital… Più che il suo straordinario talento, ha visto diffondere gentilezza e gioia come il lavoro della sua vita”.