Gli alieni hanno modificato geneticamente gli esseri umani 780.000 anni fa?

I primi umani emersero sulla Terra circa 4 milioni di anni fa, ma nuove prove dallo studio dell’evoluzione umana hanno rivelato prove convincenti che un piccolo gruppo di questi ominidi è stato geneticamente modificato da antichi visitatori alieni per creare il primo Homo sapiens.

La ricercatrice e autrice Daniella Fenton ha analizzato a fondo le prime origini dell’umanità e la sua improvvisa accelerazione nello sviluppo del cervello quasi 800.000 anni fa, e questa ricerca ha portato a un’importante rivelazione.

“Homo sapiens è la creazione di antichi astronauti che attraversarono un wormhole nell’ammasso stellare delle Pleiadi più di 780.000 anni fa”.

La ricercatrice australiana, esperta di lignaggi equini ed espressione genica, ha scoperto numerosi cambiamenti genetici che contrassegnano gli esseri umani come anormali rispetto alle moderne specie di primati, alcuni così estremi da essere meglio spiegati dall’ingegneria genetica avanzata.

Nel suo libro, intitolato “Ibridi umani: prove scientifiche per la nostra eredità aliena di 800.000 anni“, Daniella Fenton evidenzia una serie di profondi cambiamenti nei geni associati alle dimensioni del cervello, alle strutture neurali e all’elaborazione delle informazioni.

Questi cambiamenti includono geni che appaiono improvvisamente costituiti dal cosiddetto “DNA spazzatura” e frammenti di geni che sono stati tagliati, copiati e reinseriti.

Fenton indica la misteriosa fusione del cromosoma 2 contemporaneamente a questi altri cambiamenti, circa 780.000 anni fa, come ulteriore prova della sperimentazione extraterrestre. Questa fusione si trova in tutti i tipi umani dal cervello grande, compresi i Neanderthal e i Denisoviani, ma non in nessun’altra specie di primati.

Spiega che la fusione del cromosoma 2 avrebbe dovuto essere un errore una tantum che è scomparso nella generazione successiva o forse ha portato a una piccola popolazione di persone con 46 cromosomi tra un numero più consistente di quelli che ne trasportano 48.

Invece, tutti gli esseri umani dopo 780mila anni fa hanno mostrato la “mutazione”.

Ciò deduce fortemente che c’era un enorme vantaggio associato alla fusione e che è apparso improvvisamente in un numero considerevole di individui, consentendo al cromosoma 2 di diventare un tratto permanente e dominante.

Questo non corrisponde alle mutazioni naturali conosciute nel genoma umano. Fenton spiega:

“Qualcuno ha creato un’intera generazione di coppie riproduttive che portavano la fusione del cromosoma-2. La modificazione cromosomica è tale da incidere sullo sviluppo del cervello, del sistema immunitario e dei processi riproduttivi”.

Gli esseri umani hanno anche cambiamenti unici nel gene FOXP2 che hanno cambiato la connettività sinaptica e migliorato la nostra capacità di trasformare nuove esperienze in procedure di routine, questo ha avuto un’enorme influenza sulla nostra capacità di produrre un discorso significativo.

Fenton sottolinea che questo cambiamento non si osserva in altri primati e sembra che i nostri creatori volessero che fossimo in grado di formare rapidamente nuovi comportamenti abituali nell’uso del linguaggio della particolarità.

“Non sono solo i cambiamenti genetici 780.000 anni fa che ci informano che l’Homo sapiens è una specie creata da esseri alieni, abbiamo anche identificato il materiale fisico lasciato da queste stelle, materiali datati allo stesso momento specifico”.

Inoltre, offre una spiegazione dettagliata del motivo per cui questi visitatori sono finiti qui abbandonati e delle motivazioni che li hanno portati a modificare i primi ominidi nel suo libro “Human Hybrids: Scientific Evidence for Our Legacy of Aliens of 800.000 Years”.

Human Hybrids Scientific Evidence for Our Legacy of Aliens of 800 000 Years