69PWNDU, la targa auto della discordia

Leah Gilliam, di Nashville, nel Tennessee, ha citato in giudizio le autorità statali dopo che le hanno revocato la targa “69PWNDU” dieci anni dopo la sua prima registrazione. Dal Dipartimento del Tesoro del Tennessee hanno sostenuto che era “considerata offensiva” e che violava la legge, forse a causa delle connotazioni sessuali del numero 69, e perché “pwndu” può essere interpretato come un eufemismo per la frase “pound you“, che può essere tradotto come “vaffanculo”.

Il significato della targa 69PWNDU

I legali di Gilliam hanno spiegato che con questa targa la donna ha voluto “celebrare i suoi interessi per l’astronomia e i videogiochi“. Il nome che ha messo nel piatto unisce l’anno dello sbarco sulla Luna (1969) con il termine “pwn”, che nel linguaggio dei videogiochi significa “sconfiggere completamente un avversario“.

Inclusa nella denuncia c’è una copia della lettera che Gilliam ha ricevuto dal Tesoro dove si affermava: “Puoi ordinare una targa personalizzata diversa oppure ordinare una targa normale non personalizzata in sostituzione della targa revocata. La legge richiede che tu restituisca immediatamente la targa revocata (…) Non potrai rinnovare l’immatricolazione del tuo veicolo fino a quando questa targa non sarà stata restituita”.

Targa protetta dal primo emendamento della Costituzione USA

Uno degli avvocati di Gilliam, ha assicurato che “il primo emendamento [della Costituzione] vieta al governo di discriminare i cittadini a causa del punto di vista che esprimono. L’innocua targa di Gilliam è protetta in modo trasparente dal Primo Emendamento e l’unica illegalità coinvolta è la decisione del Dipartimento delle entrate del Tennessee di violare i suoi diritti del Primo Emendamento”.