L'Africa si sta dividendo in due: futuro con nuovo Bacino Oceanico.

La separazione di alcune placche tettoniche causerà la rottura del continente africano in due parti, tra le quali apparirà un nuovo bacino oceanico entro 5-10 milioni di anni. In superficie si può già vedere la manifestazione di questo largo processo geologico: una crepa di oltre 56 chilometri che è apparsa nel 2005 in un deserto nella regione etiope di Afar.

Vari scienziati stanno conducendo ricerche per studiare meglio il fenomeno geologico. “È l’unico posto sulla Terra in cui puoi studiare come una spaccatura continentale [o rottura tettonica] si trasforma in una spaccatura oceanica”, ha spiegato Christopher Moore, uno studente di dottorato all’Università di Leeds (Regno Unito).

Nella regione si trovano due placche tettoniche: araba e africana, mentre quest’ultima è divisa tra la placca nubiana e la placca somala.

La separazione delle placche araba e africana in passato ha causato la creazione del Mar Rosso e del Golfo di Aden.

L'Africa si sta dividendo in due: futuro con nuovo Bacino Oceanico.

La nuova crosta oceanica si sta già formando

Tutte le piastre si muovono a velocità diverse. Mentre l’Arabica si muove di poco più di 2,5 centimetri all’anno, la velocità dei segmenti della piastra africana varia tra 0,5 e 1,2 centimetri all’anno, ha spiegato Ken Macdonald, geofisico marino e professore emerito all’Università di California.

“Il Golfo di Aden e il Mar Rosso saranno inondati nella regione di Afar e nel Rift dell’Africa orientale e diventeranno un nuovo oceano e quella parte dell’Africa orientale diventerà il suo piccolo continente separato”, ha previsto. Da parte sua, Moore ha indicato che l’inizio della formazione di una crosta oceanica nell’area può già essere osservato, “che è chiaramente diverso dalla crosta continentale nella sua composizione e densità”.

Ciò che causa questo movimento della placca, e di conseguenza la spaccatura, non si può ancora dire con certezza, ma molti esperti li associano all’attività vulcanica nella regione. Cynthia Ebinger, geologa della Tulane University (Louisiana, USA), ritiene che la crescente pressione causata dall’aumento del magma potrebbe scatenare questi eventi.