Occhio bionico, permette di ripristinare la vista

Un team di ricercatori biomedici dell’Università di Sydney e dell’UNSW ha sviluppato un occhio bionico, che si è dimostrato sicuro e stabile per l’impianto a lungo termine. I risultati sono stati ottenuti in uno studio di 3 mesi, aprendo la strada alla sperimentazione umana.

Denominato Phoenix 99 Bionic Eye, è un sistema impiantabile, progettato e realizzato con l’obiettivo primario di restituire la vista a pazienti affetti da gravi disabilità visive e/o cecità, causate da malattie degenerative come la “retinite pigmentosa”. Il dispositivo è costituito da 2 componenti principali che devono essere impiantati: uno stimolatore collegato all’occhio e un modulo di comunicazione posto sotto la pelle dietro l’orecchio.

I risultati sono stati pubblicati di recente: i ricercatori affermano di aver utilizzato un modello di pecora per osservare il modo in cui il corpo risponde quando viene impiantato il dispositivo, i risultati ottenuti hanno permesso un ulteriore affinamento della procedura chirurgica. Il gruppo di ricerca biomedica afferma di essere sicuro che il dispositivo possa essere impiantato e testato su pazienti umani.

Il gruppo di ricerca richiederà i permessi corrispondenti per condurre studi clinici sull’uomo, mentre allo stesso tempo continuerà a sviluppare e testare nuove tecniche di stimolazione avanzate. Il Phoenix 99 Bionic Eye agisce stimolando la retina, in un sottile strato di neuroni che riveste la parte posteriore dell’occhio.

Negli occhi sani, le cellule specializzate convertono la luce in ingresso in segnali elettrici che vengono inviati al cervello. Tuttavia, in varie malattie della retina, le cellule responsabili di questa conversione spesso degenerano e causano problemi alla vista. Il nuovo sistema previene il malfunzionamento di queste cellule, stimolando direttamente le cellule rimanenti, “ingannando” efficacemente il cervello facendogli credere che la luce sia stata percepita.

Samuel Eggenberger, ingegnere biomedico e direttore della School of Biomedical Engineering, uno degli autori, cita:

“È importante sottolineare che abbiamo scoperto che il dispositivo ha un impatto molto basso sui neuroni necessari per ‘ingannare’ il cervello.

Inoltre, non si sono verificate reazioni impreviste nel tessuto adiacente al dispositivo, il che ha reso possibile la sua permanenza in sede per molti anni”.

“Il nostro team è estremamente soddisfatto di questo straordinario risultato, poiché ci dà la sicurezza di continuare a muoverci verso i test umani con il dispositivo”.

“Ci auguriamo che attraverso questa tecnologia, le persone che vivono con una profonda perdita e/o limitazione della vista a causa di disturbi degenerativi della retina possano recuperare un utile senso della vista”.

Il professor Gregg Suaning ha notato che i risultati positivi sono una pietra miliare importante per il Phoenix 99 Bionic Eye: “Questa svolta deriva dalla combinazione di decenni di esperienza e progressi tecnologici nel campo dell’elettronica impiantabile“.

Come funziona l’occhio bionico?

Il paziente ha uno stimolatore posizionato nell’occhio e un modulo di comunicazione viene impiantato dietro l’orecchio.

Una minuscola telecamera attaccata agli occhiali cattura la scena visiva di fronte a chi li indossa. Le immagini vengono elaborate in una serie di istruzioni di stimolazione.

Le istruzioni vengono inviate in modalità wireless attraverso la pelle al modulo di comunicazione della protesi.

L’impianto decodifica il segnale wireless e trasferisce le istruzioni al modulo di stimolazione, che a sua volta invia impulsi elettrici ai neuroni della retina.

Gli impulsi elettrici vengono erogati secondo schemi che coincidono con le immagini registrate dalla telecamera, questi attivano i neuroni che inviano i messaggi al cervello, dove i segnali vengono interpretati come una visione della scena.