maltempo eventi estremi piogge torrenziali nuova zelanda

Catastrofe in Nuova Zelanda. Le piogge torrenziali registrate questa settimana hanno continuato per tutta la giornata di ieri, obbligando centinaia di persone a evacuare le loro case a causa di inondazioni o smottamenti. La città di Nelson, sulla costa settentrionale dell’Isola del Sud, è la più colpita, con più di 400 case evacuate, alcune delle quali dichiarate inabitabili. Lo stato di emergenza è stato dichiarato in diversi distretti della regione.

Le strade principali della zona sono state erose o allagate, con 4 percorsi chiave chiusi. “Il danno che ho visto a Nelson è stato straziante e penso che ci vorranno molti anni per ripararlo”, ha affermato Alec Louverdis, controllore del gruppo locale di Protezione civile. Il sindaco di Nelson Rachel Reese ha definito quello che è successo “una notte davvero difficile” per i residenti e ha convenuto che per la ricostruzione “ci vorrà anni, non mesi”. Il governo ha già iniettato $ 200.000 in un fondo di soccorso per i distretti di Nelson, Tasman e Marlborough.

Molti sfollati da Nelson non sanno quando potranno tornare a casa

“Non posso crederci. La gente vive qui da 80 anni e non ha mai visto niente di simile. Siamo uguali, viviamo in questa casa da 22 anni e non abbiamo mai visto frane.

Non so se la nostra casa sarà mai più abitabile”, ha detto il disastro Andrea Warn, una delle vittime evacuate. Tom Kennedy, che vive in città da 35 anni, ha definito il danno “sbalorditivo”.

Un utente di Twitter ha scritto: “Sono estremamente felice di sapere che la mia famiglia a Nelson, in Nuova Zelanda, è sana e salva dopo l’evacuazione la scorsa notte a causa di un’inondazione”.

Il servizio meteorologico MetService ha emesso un “allarme rosso” per nuove piogge torrenziali questa sera che potrebbero causare inondazioni e smottamenti significativi. Secondo le misurazioni, Nelson ha registrato 172 mm di pioggia da martedì, più del doppio della piovosità media di agosto.

Gli esperti hanno attribuito il tempo insolitamente piovoso al passaggio sul paese di una stretta corrente di vapore acqueo, noto anche come “fiume atmosferico“.