SCIENZA News: Inversione magnetica della terra anticipata dagli studiosi.
SCIENZA News: Inversione dei poli magnetici della terra anticipata dagli studiosi.

SCIENZA NEWS – La notizia dell’inversione dei poli magnetici della Terra è stata da molti usata per diffondere un falso allarmismo tra le persone. In realtà nel lungo periodo di vita del nostro pianeta, i poli magnetici nord e sud si sono invertiti molte volte, l’ultima volta circa 780 mila anni fa.

I geofisici, alimentati dalle notizie che l’inversione del campo magnetico terrestre sia gia cominciata, attulamente pensano che i poli terrestri possano tornare a scambiarsi la posizione in un tempo inferiore a quello pronosticato.

Secondo gli ultimi dati raccolti dall’Agenzia Spaziale Europea (ESA) con i satelliti della missione Swarm (nella foto), il campo magnetico terrestre si indebolisce ad una velocità 10 volte più grande di quello che si pensava.

Un dato che potrebbe indicare una inversione imminente e che comincerebbe ad essere ben marcata in meno di 2 mila anni. Secondo gli studi, il processo di inversione magnetica potrebbe completarsi all’interno di un arco di tempo che va dai mille ai due mila anni.

Ora, il problema è immaginare come un cambio geomagnetico potrà influire nell’attuale civilizzazione, visto che una della principale funzione del campo magnetico consiste nel proteggere la Terra dalle radiazioni solari. La storia raccontata per i fossili ci insegna che non sono esistite estinzioni di massa oppure aumenti di radiazioni solari durante le precedenti inversioni magnetiche.

Nonostante questo però, le preoccupazioni persistono per i possibili danni che questo potrebbe provocare alla rete elettrica ed ai sistemi di comunicazione, internet inclusa. In questo senso, i geofisici dell’Università della California si dimostrano abbastanza ottimisti. Secondo loro tra mille anno gli uomini sulla Terra non utilizzeranno la rete elettrica (ndr, magari verrà utilizzata la Torre di Tesla?). La razza umana avrà avanzato così tanto che sicuramente utilizzerà tutta la tecnologia necessaria per affrontare l’inversione del campo magnetico terrestre.