Black Lives Matter: "bruceremo questo Sistema se non..."

Gli Stati Uniti d’America “sono costruiti sulla violenza”, così che accusare il movimento di essere violento, sostiene Hawk Newsome, “è estremamente ipocrita” per qualsiasi americano.

Se le proteste sulla morte di George Floyd da parte di un ufficiale di polizia a Minneapolis non producono alcun cambiamento sostanziale nel sistema degli Stati Uniti, il movimento Black Lives Matter “brucerà questo sistema e lo sostituirà”. Lo ha detto mercoledì il leader di quel movimento a New York, Hawk Newsome.

“Se questo paese non ci dà ciò che vogliamo, bruceremo questo sistema e lo sostituiremo”. “Ok? Potrei parlare in senso figurato. Potrebbe essere letteralmente parlando. È una questione di interpretazione”, ha riferito Newsome su The Story di Fox News.

Gli Stati Uniti d’America “sono costruiti sulla violenza”, ha detto l’attivista, riferendosi alla guerra d’indipendenza del paese e ai metodi diplomatici che il governo applica nelle sue relazioni con le altre nazioni.

“Entriamo [e] sostituiamo i loro leader con leader che ci piacciono. Quindi, per ogni americano accusarci di essere violenti è estremamente ipocrita”, ha detto.

Newsome ha affermato che il movimento Black Lives Matter mira all’autodifesa, “salvare vite umane”, aggiungendo che i suoi membri dovrebbero essere “applauditi” per aver difeso il Secondo Emendamento (che consente le armi).

“Parliamo di revoca e conferma del secondo emendamento, ma sembra che sia l’ipocrisia degli Stati Uniti, che quando i neri iniziano a parlare di armarsi e difendersi, [questa] conversazione è [classificata come] violenta. Ma quando i bianchi prendono fucili d’assalto e vanno nelle capitali della nostra nazione o dei loro stati, tutto va bene”, ha aggiunto Newsome. “Voglio solo la liberazione e la sovranità [dei neri]”, ha concluso.