Notizie IN

Emergenza Marea Nera alle Mauritius, paradiso dei turisti

Emergenza Marea Nera alle Mauritius, paradiso dei turisti.

Le Isole Mauritius in piena crisi ambientale: la petroliera arenata dieci giorni fa ora perde greggio. Ecco cosa sta accadendo: il primo ministro delle Mauritius, Pravind Jugnauth, venerdì sera ha dichiarato lo stato di emergenza ambientale e ha chiesto l’aiuto della Francia per far fronte a una fuoriuscita di petrolio causata dalla nave “MV Wakashio”, bloccata su una scogliera con 3800 tonnellate di carburante a bordo.

“Il relitto del Wakashio” rappresenta un pericolo per Mauritius. Il nostro Paese non ha l’esperienza né i mezzi per far galleggiare barche in difficoltà, quindi ho chiesto aiuto alla Francia e al suo presidente Emmanuel Macron”, ha spiegato il premier dopo aver sorvolato l’area dell’incidente. “Non sappiamo cosa sia successo alla barca”, ha aggiunto Jugnauth.

L’ambasciata francese a Mauritius ha annunciato sabato che un aereo delle forze francesi di stanza sull’isola di La Reunion effettuerà due viaggi per analizzare la situazione della nave arenata e il livello di contaminazione nella zona.

“Stiamo distribuendo attrezzature e materiale da La Réunion”, ha twittato Macron, sottolineando che “quando la biodiversità è in pericolo, dobbiamo agire con urgenza. La Francia è lì, insieme al popolo di Mauritius.

Nave bloccata dal 25 luglio

La “MV Wakashio” si è arenata il 25 luglio su una barriera corallina al largo della costa sud-orientale di Mauritius. I 20 membri dell’equipaggio sono stati evacuati in sicurezza dopo il naufragio.

La nave appartiene a un produttore giapponese, ha bandiera panamense e trasportava 3800 tonnellate di carburante che hanno iniziato a riversarsi in mare dopo l’incidente a Pointe d’Esny, vicino all’aeroporto internazionale di Mauritius.

Un portavoce di Mitsui OSK Lines, l’operatore della nave, ha assicurato a Tokyo che le operazioni di estrazione del carburante dagli elicotteri erano state influenzate dal maltempo.

“Abbiamo provato a mettere una rete di contenimento attorno alla perdita, ma non ha funzionato a causa del moto ondoso”, ha spiegato, aggiungendo che alcuni serbatoi di idrocarburi isolati non presentano alcun rischio di perdita.