Il dollaro canadese si stabilizza a seguito della decisione della Banca del Canada.

La Banca del Canada ha comunicato, nella riunione di politica monetaria di settembre, che i tassi di interesse rimarranno invariati, che è stato quello che ampiamente ci si aspettava. Le previsioni per la crescita economica e l’inflazione rimangono positive, ma la banca è stata cauta nel descrivere un ambiente in cui i tassi rimarrebbero accomodanti fino alla fine del 2017. Il dollaro canadese è stato trainato sulla scia di un rapporto sulle retribuzioni negli Stati Uniti più deboli del previsto e su una produzione industriale solida; ma sembra essersi stabilizzato a seguito della riunione di politica monetaria che ha prodotto l’iniziativa sul prezzo vista su iFOREX.

La BoC prevede che ci sarà un rimbalzo sostanzioso della crescita economica nella seconda metà del 2016, mentre si tenta di ridurre la preoccupazione,circa la crescita delle esportazioni e degli investimenti delle imprese. Inoltre, la BoC ha rallentato le aspettative di inflazione, che stanno ora scivolando in basso. Nonostante tutto questo, la banca ha dettagliato le vulnerabilità associate a squilibri nel campo della casa, che probabilmente rimarranno accentuati, nonostante i recenti cali dei prezzi degli immobili in Occidente.

Le prospettive ottimiste per la crescita nel 2° sem. si sono rafforzate. La banca centrale ritiene che lo slancio generato nel 1° sem, farà da traino alla crescita, con un rimbalzo della produzione di petrolio e una rinascita della regione di Alberta, dopo i terribili incendi a Fort McMurray.

Mentre l’incertezza rimane elevata, i dati economici , finora, propendono in realtà per un rimbalzo nella seconda metà, che continua ad essere il nostro scenario di base. Ricordiamoci che il PIL reale nel 2° trim. è sceso dell’1,6%, superando le stime della BoC a -1,0%. La banca ha assolutamente riconosciuto che l’attività economica è inferiore a quello che avevano previsto nel mese di luglio, a causa del terreno perso nelle esportazioni , nel primo semestre di quest’anno.

Nel Rapporto di Politica Monetaria di Luglio, l’attesa riduzione del divario tra prodotto effettivo epotenziale si è spostata alla fine del 2017 dalla stima di aprile, per il 2° sem.

del 2017. Se il profilo più basso per la crescita andrà passando, identificato come un rischio nell’annuncio di settembre, il Rapporto di Politica Monetaria di ottobre potrebbe comunicare un ulteriore ritardo della riduzione del divario tra prodotto effettivo e potenziale, stimato della banca.

L’annuncio della Banca del Canada ha mantenuto le prospettive di crescita ottimiste, nonostante la recente serie di scarsi dati economici. La crescita e l’inflazione si sono più o meno evolute , come anticipato a Luglio, anche se ci sono state alcune defezioni cruciali, che lasciano un forte substrato di cautela, nel loro scenario di crescita ottimista per la seconda metà. Nel frattempo, il mercato immobiliare rimane una spina nel fianco della politica facile, nonostante alcuni segnali di possibile moderazione a Vancouver.

L’annuncio sembra aver soddisfatto sia i trader di azioni che quelli di obbligazioni, poiché la Banca del Canada tenta di trovare la retorica corretta per generare una navigazione tranquilla. Allo stesso tempo, le vulnerabilità finanziarie continuano a crescere, considerando, con ottimismo, il mercato immobiliare, come per Toronto e Vancouver. L’annuncio di settembre assicura che, mentre la crescita è in via di miglioramento, attualmente la politica accomodante sarà posta in essere per un periodo di tempo prolungato.

Con le sfide che l’economia canadese ha difronte, la banca centrale si manterrà, probabilmente, con la sua politica per tutto il 2017, nonostante le proiezioni dei dati oltre tale lungo orizzonte temporale, essa tenderà ad avere degli aggiornamenti. Come per un taglio dei tassi, i prezzi del petrolio, che possono essere visualizzati su iFOREX, dovranno rivedere l’alto del 20 per la banca, per terrorizzarne e calmarne la politica.