Tenta di entrare in Svizzera nascosto in una valigia

Si è nascosto in una valigia per superare i controlli alla frontiera di Chiasso. Alla stazione della città però si è concluso il bizzarro tentativo di un ragazzo eritreo di 20 anni. Ieri, era partito dalla Stazione centrale di Milano, in veste di «bagaglio a mano» con un’amico-complice che lo trasportava. Davanti ai funzionari della dogana, quest’ultimo, si è mostrato nervoso tanto da spingere gli addetti alla sicurezza a fermarlo per un ulteriore controllo.

il giovane “contorsionista” che si era nascosto in un trolley

Dopo un’ispezione e quando la valigia è stata aperta, ecco spuntare il giovane “contorsionista”. Si era nascosto in un trolley. Il ragazzo è stato immediatamente espulso. Non è il primo migrante che tenta di emigrare in una valigia. Centinaia sono i giovani che provano a superare i confini in questo modo, commenta Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”. Oltre le valigie, doppio fondo nelle automobili o sotto i sedili. Una vera e propria pratica, che spesso uccide. Foto di copertina di repertorio, caso di un migrante nel Sud del Texas nel 2015.