Terremoto Oggi Terni e Viterbo: aggiornamento del 31 maggio 2016 e approfondimento INGV Terremoti

INGV Terremoti ha pubblicato un articolo nel quale viene detto che il terremoto registrato ieri sera, 30 maggio alle ore 22:24 italiane, nella zona a nord del Lago di Bolsena, con epicentro molto vicino al comune di Castel Giorgio (TR), ha avuto magnitudo Richter ML 4,1. Al momento (ore 16:00 del 31 maggio) è stato seguito da circa 35 repliche (aftershocks), la più forte delle quali ha avuto magnitudo 3,4 (alle ore 11:22). La revisione della localizzazione ipocentrale della scossa principale e delle repliche di magnitudo inferiore, effettuata nella mattinata di oggi, mostra che la sismicità è piuttosto superficiale, intorno a 8 km.

La sismicità delle ultime ore ha interessato una regione spostata verso nord-ovest rispetto a quella di ieri sera, collocandosi vicina al comune di Acquapendente (VT). La distribuzione degli epicentri mostra un allineamento di questi ultimi lungo due linee sub-parallele, orientate circa nordovest-sudest.

Secondo l’Istituto Nazionale di Sismologia e Vulcanologia, il meccanismo focale della scossa principale di ieri mostra che la faglia attivata è orientata in senso nordovest-sudest e ha carattere estensionale o “normale”, in accordo con la prevalenza della cinematica distensiva per i terremoti crostali dell’Appennino centrale.

La magnitudo momento Mw così calcolata è 4,1, pari quindi alla magnitudo Richter ML determinata dal personale della Sala Sismica-INGV subito dopo l’evento. Il terremoto è stato ampiamente risentito in tutta la regione dell’alto Lazio e Umbria meridionale.

Dal punto di vista della sismicità storica, l’area epicentrale attuale non è stata colpita da eventi sismici forti. Si notano infatti eventi sismici con magnitudo stimata inferiore a 6. Si ricordano due terremoti: quello del 6 dicembre 1957 con una magnitudo stimata pari a 4,9, con epicentro a Castel Giorgio (TR) con intensità VII-VIII MCS; il terremoto del 11 giugno 1695 con una magnitudo stimata pari a Mw 5,7, con epicentro a Bagnoregio, con intensità VII-VIII MCS nelle vicinanze dell’epicentro attuale. Terremoti di maggiori intensità si sono verificati verso il settore appenninico ad est dell’evento attuale. Si ricorda l’evento del 14 gennaio 1703 on una magnitudo stimata pari a Mw 6,7, avvenuto nell’appennino Umbro-Reatino, con intensità VI-VII MCS ad Orvieto