Toilette per cani negli aeroporti americani

Dal mese di agosto, ci saranno in tutti gli aeroporti un bagno per cani, solo per loro, che accoglierà più di 10 000 passeggeri all’anno. A New York, all’aeroporto internazionale John F Kennedy è stato aperto da pochi giorni un luogo tutto riservato agli amici a quattro zampe, dove possono tranquillamente fare i loro bisogni. Le nuove toilette per cani, circa 7 metri quadrati, all’aeroporto JFK di New York, non sono grandissime, ma comunque dotate di ogni comfort e sufficienti per far entrare al loro interno più di un cane alla volta.

Il pavimento dei bagni per cani è coperto di torba artificiale, per dare la possibilità agli animali di espletare le loro funzioni fisiologiche in un ambiente il più possibile simile a quello naturale, invece che nei wc come per gli esseri umani.

Nello spazio a disposizione,inoltre, è impiantato una sorta di idratante rosso che sembra essere particolarmente ‘ispirare’ un animale che desidera fare i propri bisogni prima del volo, o aspettare il ritorno del suo padrone.

Per i padroni che viaggiano con i loro amici al seguito è una bella comodità: quando fido dovrà fare i suoi bisogni non saranno costretti ad uscire dall’aeroporto, un disagio non da poco specie negli scali molto grandi. Le toilette per cani in aeroporto comunque non sono una novità, esistono già in diversi scali degli Stati Uniti: al Dulles International Airport di Washington DC, allo scalo O’Hare di Chicago e al Seattle–Tacoma International Airport.

Del resto, spiega Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, è un regolamento federale degli Stati Uniti ad obbligare tutti gli aeroporti Usa con un traffico superiore ai 10mila passeggeri l’anno a dotarsi di bagni per cani. Gli scali avranno tempo fino ad agosto 2016 per mettersi in regola. Come qualsiasi altra cosa anche questa ultima farà tendenza rapidamente anche in Europa?