Ballando con le Stelle, la moglie segreta di Michele Morrone: la libanese Rouba Saadeh

E’ riuscito a mantenere il segreto per tutte le puntate di Ballando con le Stelle. Ma poi, dopo aver conquistato il secondo posto dietro Iago Garcia, Michele Morrone ha deciso di confidarsi con il settimanale Mio: “Sì, ho una moglie, si chiama Rouba Saadeh ed è una stilista libanese, una vera artista”.

Il giovane attore, grande rivelazione dello show di Milly Carlucci, ha svelato così la storia d’amore che per quasi due anni ha tenuto ben nascosta da gossip e paparazzi: “Ci siamo sposati nel 2014 con rito civile in Italia e in Libano”, spiega Morrone, nella lunga intervista esclusiva al settimanale diretto da Franco Bonera, in edicola domani, che alla coppia dedica anche la copertina. “E’ stata una cerimonia intima, con appena venti invitati. Senza di Rouba sarei perso, è il mio punto fermo”.

La scintilla tra Michele e Rouba è scattata in Libano: “Durante un mio viaggio nel 2011”, ricorda l’attore, “era la più bella del reame e me ne sono innamorato subito.

Lei invece proprio non mi calcolava. Allora le ho dedicato una poesia e ha iniziato ad interessarsi. Di Rouba ho subito ammirato l’intelligenza, so che non potrei mai trovare un’altra donna così. Una vita senza di lei non riesco proprio a immaginarla”.

La coppia ha già un figlio, il piccolo Marcus: “Quando ho saputo che aspettavamo un bambino”, racconta Morrone, “mi trovavo a Roma e lei in Libano.  Mi ha mandato una lettera con dentro l’ecografia, inizialmente ero disorientato. La cosa più bella è stata il momento del parto: volevo conoscere la voce della creatura a cui avevo dato la vita”.

Nell’intervista a Mio, Michele Morrone parla anche del rapporto con suo padre, scomparso nel 2002 per una brutta malattia quando lui aveva solo 11 anni: “Sul podio di Ballando mi sono chiesto cosa avrebbe potuto pensare di me. E ho sorriso, perché a lui piaceva molto ballare. Era un tipo tosto del Sud. A distanza di anni, sono riuscito ad eliminare un po’ di scheletri nell’armadio. Prima, se mi dicevi la parola ‘papà’, chiudevo il discorso. Ora so che anche questo fa parte della vita, le persone vanno e vengono come l’amore e… cosa fai? Puoi solo accettare la cosa”.