Report Replica: Norberto Achille e le spese anomali in Ferrovie Nord Milano

Report Replica del 24 aprile 2016. Carburante auto per uso privato, pranzi in giorni festivi e scommesse sportive. Tutte spese effettuate da Norberto Achille, presidente di Ferrovie Nord Milano, il gruppo controllato dalla Regione Lombardia che gestisce il trasporto ferroviario lombardo e caricate dal presidente sulle casse della società. Di domenica il presidente Achille paga con la carte di credito aziendale 480 euro in un ristorante a Forte dei Marmi. Ma a spese della società va anche in discoteca: 900 euro al Twiga, il locale di Flavio Briatore in Versilia. Le spese vengono raccolte nel rapporto dell’internal audit, l’organo di controllo interno di Ferrovie Nord, stilato da Andrea Franzoso insieme ad altri funzionari incaricati di controllare i conti. Tra le spese anomale individuate dall’audit anche l’acquisto di tre quadri, in totale 17 mila euro, pagati da Ferrovie Nord e regalati all’allora presidente di Regione Lombardia Roberto Formigoni. E non solo: appalti sospetti a una società di Comunione e Liberazione per oltre un milione di euro, consulenze, sponsorizzazioni e favori a compagni di partito e associazioni amiche. Nonostante controllare i conti e denunciare le anomalie sia il suo compito, Franzoso riceve intimidazioni dai vertici della società. Il funzionario non si ferma e denuncia la vicenda in procura.

Oggi che fine ha fatto? Il nuovo presidente di Ferrovie Nord Andrea Gibelli, nominato per risollevare l’azienda dopo lo scandalo delle spese anomale, lo trasferisce in un altro ufficio e oggi Franzoso non si occupa più di controlli. Chi è Andrea Gibelli? Era il vice di Formigoni in Regione.

Guarda il servizio in replica andato in onda ieri sera sul sito di Report Rai3.

Andrea Franzoso, ex funzionario Audit Ferrovie Nord Milano: “Io non lavoro più lì, il mio collega Nocerino non lavora più lì e la cosa a mio avviso è sorprendente perché chi ha dimostrato di aver svolto bene il proprio lavoro e si è dimostrato anche indipendente e insensibile alle sollecitazioni esterne che sono giunte, alle pressioni, anche alle intimidazioni, ecco è sorprendente che queste persone siano state spostate altrove”.

Milena Gabanelli in studio al termine del servizio: “Purtroppo non è sorprendente che gli uomini che non hanno prezzo paghino un prezzo e la nostra riconoscenza veramente infinita a tutti i Franzoso che ogni mattina siedono alle loro scrivanie. Se riusciamo ancora a galleggiare è grazie a loro. Se il presidente Gibelli ha a cuore i conti dell’azienda, che non è la sua, lo rimetta al suo posto”.