Arbitrato Crack Banche: "è stato detto dal presidente Renzi, non c’è mai stata alcuna norma"

CANTONE, ANAC, A MIX24 SU RADIO 24: CRACK BANCHE, ARBITRATO SOLO ANNUNCIATO. NON C’E’ NESSUNA NORMA. L’arbitrato “è stato solo annunciato, non c’è nessuna norma che ci dà il potere, è stato detto dal presidente Renzi, non c’è mai stata alcuna norma”. Risponde così Raffaele Cantone, presidente Anac, a Mix24 di Giovanni Minoli su Radio 24 sul ritardo degli arbitrati che dovrebbero stabilire a chi restituire i soldi truffati dalle banche.

Cantone prosegue poi replicando a Minoli che definisce l’annuncio parte dello story telling: “No, il presidente Renzi, devo dire, quando dice le cose poi le fa, almeno le annuncia e le fa.

Qui però c’è, da quello che abbiamo capito, una novità interessante, cioè il governo sta provando a utilizzare il meno possibile gli arbitrati, cioè a restituire il più possibile. Io credo che in questo senso, se si dovesse raggiungere l’obiettivo di poter restituire di più e in modo più semplice, possiamo fare a meno degli arbitrati”. “Noi abbiamo dato la disponibilità a fare gli arbitrati e siamo pronti, se e quando ci verrà chiesto – prosegue -, ma è un problema politico”.

Sull’affidamento dell’arbitrato all’Anac piuttosto che alla Consob o alla Banca d’Italia Cantone afferma a Mix24 su Radio 24: “Io non credo che sia sembrato strano, il problema era quello di individuare (chi se ne occupasse ndr). Però, se uno ci pensa attentamente, qui si è voluto anche evitare una serie di possibili problemi di immagine. Con la Banca d’Italia c’è da parte nostra una collaborazione assoluta”. E prosegue: “Io col governatore Visco ho parlato in tantissime occasioni”, confermando a Minoli che chiede se su questo tema si siano capiti “Assolutamente sì”.