Listeria: insalata contaminata Dole provoca un morto e diversi intossicati

USA CANADA – Una persona sarebbe morta e 12 ricoverate a causa di un focolaio di listeriosi legata alle insalate confezionate Dole. Lo hanno annunciato nei giorni scorsi i funzionari della CDC, l’Agenzia federale americana per la prevenzione e il controllo delle malattie, che ha evidenziato che l’epidemia era stata segnalata già dal settembre 2015. Secondo l’annuncio dato lo scorso 22 gennaio dal Centers for Disease Control and Prevention:

“Gli esami epidemiologici e le prove di laboratorio disponibili ad oggi indicano che le insalate confezionate presso l’impianto di trattamento di Dole a Springfield, Ohio, e vendute con marchi diversi sono la probabile fonte di questa epidemia”.

La comunicazione della CDC è venuta un giorno quella dell’Agenzia della sanità pubblica del Canada, che aveva riferito che sette persone erano state ricoverati a causa di un focolaio di Listeria che aveva colpito cinque province. L’agenzia ritiene che vi sia un legame con l’epemia degli Stati Uniti, ma è in attesa di risultati finali di laboratorio.

L’agenzia della sanità pubblica canadese ha detto che sono stati identificati tre casi in Ontario e uno ciascuno in Quebec, New Brunswick, Prince Edward Island, e Terranova. La maggior parte di loro erano donne con un’età media di 81 anni. I pazienti si sono ammalati tra il settembre 2015 e l’inizio di gennaio e uno di loro è morto. Non è stato accertato ancora se la Listeria abbia contribuito alla morte. In conseguenza di ciò Dole Food Co ha emesso un ritiro dal mercato volontario di insalate confezionate da 23 stati e tre province canadesi un paio d’ore dopo l’annuncio della CDC.

“I retailer e i consumatori che hanno il prodotto residuo con un codice di ‘A’ non dovrebbero consumarlo, e sono invitati a scartarlo”, secondo la comunicazione di recesso sul sito dell’altra agenzia federale, ossia la Food and Drug Administration. Ed ancora, “I Retailer e consumatori possono porre domande sul ritiro volontario alla Dole Food Co Consumer Response Center al numero verde 800-356-3111”.

Rappresentanti del servizio clienti Dole Fresh Vegetables “hanno contattato rivenditori e sono in procinto di confermare che il prodotto ritirato è stato rimosso dalla catena di fornitura” secondo quanto hanno affermato funzionari della società nella comunicazione di recesso.

I funzionari della Dole Food Co. hanno segnalato al CDC che il 21 gennaio hanno cessato la produzione presso l’impianto di trattamento a Springfield, Ohio.

La società ha inoltre riferito che è in corso il ritiro delle insalate confezionate attualmente sul mercato che sono state prodotte in questa struttura. “La CDC raccomanda che i consumatori non mangino, ristoranti non servano, e dettaglianti non vendano le insalate confezionate presso l’impianto di trattamento di Dole a Springfield, Ohio”, afferma l’annuncio del focolaio.

Le insalate confezionate possono essere identificati con la lettera ‘A’ all’inizio del codice di produzione che si trova sulla confezione. Le insalate confezionate e verdure a foglia verde sono state venduti sotto marchi diversi oltre a Dole. Il numero di persone malate segnalate da ogni stato americano è il seguente: Indiana 1, Massachusetts 1, Michigan 4, New Jersey 1, New York 4, e Pennsylvania 1.

Le prove di laboratorio eseguite su dati clinici provenienti da tutti i 12 risultati ammalati hanno dimostrato che i casi sono altamente correlati geneticamente. Il Dipartimento della Salute e Servizi Umani del Michigan ha avvertito i consumatori che hanno mangiato le insalate confezionate in questione e che si sono sentite male, di rivolgersi al medico.

La listeria può causare una grave malattia potenzialmente letale. I sintomi della listeriosi comprendono febbre alta, forte mal di testa, rigidità del collo, dolori muscolari, nausea e, a volte diarrea o altri sintomi gastrointestinali”, secondo un comunicato stampa da parte del dipartimento del Michigan.

La malattia colpisce soprattutto le donne incinte, i neonati, gli anziani e gli adulti con un sistema immunitario indebolito. Il periodo di incubazione è normalmente compreso fra due e tre settimane, ma può essere finanche 70 giorni. Chi soffre di questi sintomi e che possono aver consumato questo prodotto insalata confezionato devono consultare immediatamente un medico”.