Vinicio Capossela suona dal vivo il 21 dicembre a Roma

Dopo i sold out ottenuti a Parigi, Berna Madrid, Catania, Milano e Venezia, il “Qu’Art de siècle” – il fortunato tour che celebra i venticinque anni in musica di Vinicio Capossela – arriverà anche al Tetro dell’opera (Piazza Beniamino Gigli 7) di Roma, lunedì 21 dicembre alle ore 21:00.

Cantore, band lieder, songwriter, chansonnier e intrattenitore. Compositore di libri e scrittore di canzoni. Vinicio Capossela festeggia il vincolo con l’arte altisonante per natura, la musica. Venticinque anni di carriera, un quarto di secolo bello e buono. Un arco di tempo teso e vibrante, a scoccare parole.

14 dischi, centinaia di canzoni, migliaia di concerti e poi romanzi, documentari, racconti, infiniti progetti, un film in arrivo nelle sale a gennaio (“Nel paese dei coppoloni”, prodotto da LaEffe) e un nuovo disco previsto per il prossimo anno (“Canzoni della Cupa”), raccontano meglio di ogni altra cosa il percorso artistico di Vinicio Capossela, festeggiato ed evocato con un tour di date speciali che ha coinvolto in veste di ospiti,

nelle sue tappe salienti, alcuni dei musicisti incontrati lungo il cammino, come Mario Brunello, Pascal Comelade, Victor Herrero, Marc Ribot, La Banda della Posta, i Cabo San Roque e tanti altri.

Concerti unici, irripetibili in straordinari teatri ( tra gli altri il Des Bouffes Du Nord di Parigi, il Massimo Bellini di Catania, il Dal Verme di Milano, il Gran Teatro La Fenice di Venezia,) e un repertorio sempre diverso, scelto con cura rispetto al luogo, agli ospiti e alla memoria.

Il concerto al Teatro dell’Opera di Roma avrà come titolo “Fantasmagorie” e vedrà la partecipazione speciale dell’Orchestra d’archi Maderna diretta e arrangiata dal maestro Stefano Nanni, insieme alla storica e consolidata formazione di Capossela: Alessandro “Asso “ Stefana alla chitarra, Vincenzo Vasi alla marimba e al theremin, Zeno de Rossi alla batteria, Glauco Zuppiroli al contrabbasso. Maggiorni informazioni sui siti internet www.viniciocapossela.it e www.operaroma.it.