Salute News: Il discusso caso del Vaccino Meningitec

Il ritiro del vaccino Meningitec dal mercato ha trascinato centinaia di famiglie nel panico. Oggi nel corso di una conferenza stampa, la National Security Agency (MSNA) ha dichiarato che le partite difettose del vaccino Meningitec non hanno rappresentato un rischio per la salute dei francesi e degli europei.

L’Agenzia si è pronunciata in risposta alle 580 denunce di genitori i cui figli soffrono di condizioni particolari, dopo aver ricevuto questo vaccino. Il Meningitec è un vaccino usato nei neonati, adolescenti e adulti, per prevenire la meningite. Nel settembre del 2014, tutte le partite di questo vaccino sono state ritirate dal mercato in Francia.

In Italia il ritiro è stato disposto con due provvedimenti emessi dall’Agenzia del farmaco italiana (Aifa) il 26 settembre e il 6 ottobre 2014. Sotto accusa undici lotti del farmaco che immunizza dal meningococco C e viene somministrato a bambini tra i 12 e i 15 mesi, prodotto dalla casa farmaceutica olandese Nuron Biotech, entrati in commercio in Italia a partire da maggio 2013.

All’interno delle fiale è stata riscontrata “la presenza di corpo estraneo color arancio rossastro identificato come ossido di ferro e acciaio inossidabile. In seguito a questa scoperta, un laboratorio conduce il ritiro di tutto il mondo di 21 lotti. Quando la National Security Agency (MSNA) è stata informata della scoperta, ha subito ritirato tutti i lotti distribuiti su territorio francese. In tutto, sono state ritirate in Francia 800 mila siringhe.

Da questo episodio, il CSP (Centro Specialità Farmaceutiche), ha smesso di vendere il vaccino distributo in Francia e subito dopo anche in Italia. Allo stesso tempo, è stato segnalato un picco di segnalazioni di reazioni anormali su bambini che avevano ricevuto il vaccino.

Nei bambini vaccinati con lotti adulterati sono stati osservati sintomi come la diarrea acuta, febbre alta, disturbi del sonno, irritabilità eccessive o eruzioni cutanee. Fino ad oggi in Francia, 580 famiglie hanno presentato denunce contro il CSP. Secondo i genitori le siringhe possono contenere metalli pesanti. Per loro, questi vaccini stanno causando i sintomi nei bambini vaccinati.

Sulla decisione della Corte Suprema di Clermont-Ferrand, diversi collegi di esperti, composti da pediatri e tossicologi presenti in tutta la Francia, sono stati incaricati per determinare la responsabilità del distributore

francese.

L’Agenzia per il farmaco francese, fino a quel momento in silenzio, ha fatto il punto in una conferenza stampa. Secondo i risultati, “il monitoraggio di farmacovigilanza e alle indagini svolte dall’Ufficio della MSNA, dopo il richiamo dei lotti, non hanno dimostrato un rischio per la salute delle persone vaccinate. Le particelle di ruggine recuperati provengono da una porzione del cappuccio della siringa, e quindi non sarebbe stato in contatto con la soluzione vaccino. La siringa, che sarebbe stata contaminata da queste particelle, non sarebbe mai stato distribuita in Francia.

Un altro importante punto. “Le analisi tossicologiche non mostrano rischi connessi con l’eventuale presenza di particelle di ruggine” secondo il direttore generale dell’Agenzia, solo i metalli che compongono la ruggine, cioè ferro, nichel e cromo sono stati trovati nei lotti difettosi.

Altri procedimenti legali, evidenzia Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, relativi a questo stesso vaccino sono in corso anche in Italia, Brasile, Australia e Nuova Zelanda. Inoltre le analisi hanno confermano la contaminazione dei metalli.

Le analisi del capello hanno rilevato livelli di piombo, stagno, silicio e alluminio nei capelli di persone vaccinate. Di questi, molti bambini, soffrono di sintomi persistenti. Mentre i Governi si lavano le mani, i genitori, come nel caso della Francia, devono ricorrere ai tribunali affinché si possano controllare i bambini e monitorare il vaccino. Quindi i genitori si chiedono con quale coraggio si continua a fare campagna vaccinale quando non si è in grado di aiutare i danneggiati in casi eclatanti come questi.