Carne di zebra e coccodrillo dallo Zimbabwe in Italia.

Lo ha annunciato, secondo quanto riporta l’agenzia Bloomberg, il ministro del Commercio e dell’industria dello stato africano, Mike Bimha, incontrando la stampa nella capitale Harare. Bimha ha affermato che il suo governo ha firmato un accordo per l’export con la società El Badaoui. Secondo quanto riportato dal sito internet della società, El Badaoui Group nasce dall’iniziativa dei fratelli italo libanesi Georges e Jihad El Badaoui e “lavora nella creazione e promozione dei propri brand specializzati in prodotti di

lusso innovativi, originali e senza rivali“. Insomma cibi molto lontani dalla realtà culinaria nazionale, osserva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, stanno per finire tutti sulle tavole dei consumatori anche se dai sondaggi la bistecca all’italiana sembra stravincere. Domanda: perche’ firmare un accordo di questo tipo dopo l’annuncio dell’Oms sulla nocivita’ della carne.