Casa: il vecchio scaldabagno va in pensione.

Giro di vite dell’Unione europea ai consumi energetici. L’UE ha deciso di dare un’ulteriore accelerazione risparmio energetico introducendo nuovi standard di efficienza energetica ed etichette sui consumi di diversi apparecchi elettrici.

Tra i più colpiti e oramai destinati a sparire dagli scaffali dei negozi, figurano caldaie e scaldabagni di vecchia generazione. A partire dal prossimo 26 settembre, infatti, verranno promosse maggiormente caldaie a condensazione, pompe di calore, sistemi ibridi, che gli ambientalisti europei da tempo sono impegnati a promuovere. Uno scenario, osserva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, già vissuto alcuni anni fa, con l’arrivo sui mercati di frigoriferi, lavatrici e aspirapolveri più efficienti rispetto al passato e meno voraci di corrente elettrica.