Sui mercati finanziari abbiamo assistito a 4-5 mesi di altissima volatilità per via della crisi in Grecia. Ora la situazione del paese ellenico, seppur non ancora rientrata, può essere considerata in parte risolta. Eppure chi opera nel settore delle opzioni binarie si è reso conto che i mercati non sembrano voler festeggiare più di tanto. Quali sono i motivi di tutto ciò?

Per prima cosa va detto che il caso Grecia non è del tutto risolto. Il paese ha un debito mostruoso e non si sa se riuscirà a far fronte ai nuovi debiti o se già dal 2016 dovrà chiedere altri prestiti. A questo bisogna aggiungere la frenata dell’economia americana e la bolla finanziaria che rischia di scoppiare in Cina.

Il prezzo del greggio continua a scendere e lo continuerà a fare nei prossimi mesi visto che a breve verranno tolte le limitazioni all’Iran e ci sarà ulteriore oro nero sul mercato, con la conseguenza di far scendere ancor di più il suo valore visto che le stime sulla domanda sono piuttosto piatte. Insomma chi fa trading binario sa o deve sapere tutto questo perchè i mercati finanziari di oggi sono fortemente influenzati da questi aspetti.

Le opzioni binarie hanno come vantaggio proprio quello di poter fare trading su tutti i principali asset come materie prima (oro, petrolio, argento, ecc.

), valute (euro, dollari, ecc.), azioni e indici azionari.

Uno dei modi migliori per rimanere aggiornati sugli specifici aspetti che influenzano i mercati finanziari è quello di scegliere un buon broker (qui trovi un elenco completo: http://www.tradingbinario24.com/broker/). La maggior parte dei broker di opzioni binarie, infatti, offrono un servizio di news ai propri clienti. Un flusso di notizie in target, utilissime per essere sempre a conoscenza delle novità che possono influenzare le borse.

Essere tempestivamente informati permette di avere il tempo di prendere le decisioni giuste e scegliere le strategie da applicare specialmente in un settore complesso come quello delle opzioni binarie evitando nella maniera più assoluta di investire “allo sbaraglio”.

Il futuro del trading online vede una sempre maggior consapevolezza. I clienti stanno scegliendo, sempre più spesso, di gestire in maniera autonoma i propri fondi piuttosto che affidarsi al “risparmio gestito”. Un motivo in più per migliorare la propria formazione e la consapevolezza di quello che accade nel mondo.